Un’isola di stranieri

• 30 giugno 2007
- libriNo Comments


Andrea Levy – Un’ isola di stranieri
2004 – Baldini Castoldi Dalai

[...] La donna bianca mi rivolse allora uno sguardo di cristallo. Chi di noi due era più sbalordita? Ci fissavamo a vicenda, ognuna guardando quella che le sembrava un’apparizione. Per poco non andò a sbattere col passeggino contro un lampione, ma si chinò in avanti e ammonì il piccolo col dito teso: “Non indicare, Georgey, non è nera, è di colore“. [...]

La Gran Bretagna e la Giamaica, isole di uno stesso impero che si incontrano/scontrano. Unite dalla guerra, divise da pregiudizi. Il razzismo, le contraddizioni di due culture in una trama mai scontata, bellissimi personaggi descritti con una scrittura ironica e commovente insieme.
E un finale che lascia col magone.

HAIKU: terre lontane – cercando simmetrie – e trasparenze

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓