Una storia di amore e di tenebra – Amos Oz

• 22 settembre 2007
- libriNo Comments

Amos Oz – Una storia di amore e di tenebra
Feltrinelli – 2002

Ho adorato questo libro fin dalla prima pagina.
Prima di tutto per la scrittura, per la musicalità di quel linguaggio perfetto cui non potresti togliere o aggiungere niente.
Poi per il mondo che descrive, o meglio i 2 mondi intrecciati, quello interiore; emozioni sentimenti delusioni sofferenze speranze ricordi sogni, insomma la vita. E quello esteriore; sociale politico culturale, la storia.
Poi, continuando nella lettura, ho amato la perfetta costruzione della struttura del racconto, lo sfiorare continuo del nocciolo della questione, in un movimento a spirale verso il centro.
Per chi si fosse perso siamo in Israele. E’ un’autobiografia. La ricerca indietro nel tempo di una ragione incomprensibile. Ma anche un romanzo per capire cosa è successo laggiù fin dall’inizio e prima ancora altrove.

“Solo di libri, da noi, c’era abbondanza: da una parete all’altra, in corridoio e in cucina e in ingresso e sui davanzali delle finestre e dappertutto. Migliaia di volumi, in ogni angolo della casa. C’era come la sensazione che mentre gli uomini vanno e vengono, nascono e muoiono, i libri invece godono di eternità.
Quand’ero piccolo, da grande volevo diventare un libro. Non uno scrittore, un libro: perchè le persone le si può uccidere come formiche.”

HAIKU: alla ricerca – dell’antico dolore – ombre di luce

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓