Polipetti speziati con cous cous

• 5 ottobre 2007
* pesceNo Comments

polipetti
olio d’oliva
5 spezie (semi di finocchio, cannella, pepe nero, chiodi di garofano, anice)
aglio
pomodori freschi pelati
zucchero di canna
brodo leggero di pesce
cous cous precotto
menta e coriandolo tritati (oppure prezzemolo)

Sono semplicissimi polipetti in umido, l’unica particolarità sono le spezie.
Ho scaldato l’olio in un pentola e aggiunto le spezie pestate e l’aglio schiacciato, poi ho aggiunto anche i polipetti (i miei erano surgelati), salato leggermente, lasciato insaporire, poi aggiunto i pomodori, precedentemente scottati e pelati, e lo zucchero di canna.
Ho abbassato il fuoco, fatto cuocere mezz’oretta, spento e lasciato riposare.

Nel frattempo ho preparato il cous cous. Il mio era un cous cous equo-solidale della palestina che, rispetto ad alti tipi di cous cous precotto, ha bisogno di una cottura più lunga, ed è più grosso. Ho prima mescolato al cous cous dell’olio d’oliva, poi l’ho messo su fuoco basso e ho aggiunto del brodo bollente a poco a poco come per un risotto, mescolando per una decina di minuti, poi ho spento, ho aggiunto altro brodo bollente ed ho lasciato riposare un’altra decina di minuti, in tutto per questo tipo di cous cous ci vuole circa il doppio del volume di brodo rispetto al cous cous, forse anche di più, comunque meglio seguire le indicazioni sulla scatola.

Ho servito il cous cous accompagnato dai polipetti leggermente riscaldati (è una mia fissa o gli umidi riscaldati sono più buoni?), e ho cosparso di menta e coriandolo freschi tritati.

P.S. – L’altro giorno ho rifatto lo strudel di mele ed ho messo le foto nuove nel post.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓