Crepes alla birra

• 2 aprile 2008
* dolciNo Comments

Ultimamente mi sto gasando per la ghisa, prima la pentola, poi sta crepiera bretone che in realtà credo userò anche per altre cose, il pane indiano per esempio.
Su questa crepiera di ghisa c’erano due ricette, una classica col latte e questa, che mi ha incuriosito subito perchè si sa io non è che ami tantissimo il latte e di norma le crepes per via delle uova mi risultano un po’ pesanti (si si lo so lo so sono difficile).
Effettivamente mi sono piaciute molto, e mi sembrano più leggere che col latte, sono leggermente dolci, perfette con un velo di burro salato e di marmellata d’arance, per esempio, o con del formaggio di capra.

Con queste dosi ne vengono 6-7, spesse e grandi. Si conservano benissimo congelate.

250 gr di farina 00
mezzo litro di birra (io ho usato una birra ambrata bio ai 5 cereali antichi)
3 uova
1 cucchiaio di olio d’oliva (oppure di burro)
50 gr di zucchero di canna
1 pizzico di sale
un cucchiaio di rhum – facoltativo

Sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere la farina, il sale, l’olio, un bicchiere di birra, continuare a sbattere per non formare grumi, aggiungere anche il resto della birra e lasciare riposare coperto da pellicola un paio d’ore.
Cuocere sulla crepiera mettendo un mestolo di impasto, livellandolo con l’apposito attrezzino di legno e girando poi con la paletta, finchè non sono dorate da entrambe le parti, devono essere abbastanza spesse.
Si può usare il burro al posto dell’olio e si può aggiungere un po’ di rhum.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓