Ravioli cagliata borragine e rucola con pomodorini al forno

• 20 maggio 2008
* pasta1 Comment

Questi ravioli li ho fatti per provare che sapore avesse la borragine, solo che era poca e ci ho messo insieme la rucola. Il sughetto, pomodorini al forno con erbe fresche e pangrattato, può essere anche un contorno.

Il ripieno: dosi a occhio, cagliata di capra come quella della ricetta precedente, rucola e borragine tritate, una foglia di menta, sale. Ci si può mettere anche del formaggio grattugiato, io non l’ho messo.
La pasta: una classica pasta all’uovo, 200 gr di farina 2 uova 1 cucchiaio di olio d’oliva acqua tiepida.

I pomodorini li ho presi qui e sono prima pelati sbollentandoli, poi tagliati a metà, messi in una teglia con pan grattato, erbe fresche (io ho usato origano, maggiorana, timo) tritate con uno spicchio d’aglio, un giro di olio evo e uno di aceto balsamico, sale, pepe.

Quando sono belli gratinati (circa 20 minuti a 180 gradi), si aggiungono in teglia i ravioli e si serve.

I fiori di borragine sono bellissimi, ma la borragine non ho capito bene che sapore ha, credo sia amara.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

One Response to Ravioli cagliata borragine e rucola con pomodorini al forno

  1. draco scrive:

    la borragine ( foglie, fiori e parte aerea ) è epato-tossica a piccole dosi e addirittura cancerogena ad alte dosi. fate ricerche in siti scientifici e ne troverete conferma. l'unico preparato sicuro è l'olio estratto a freddo dai semi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓