Tagliatelle con caffè, triglie peperoni pomodori

• 22 giugno 2008
* pastaNo Comments

Lo so, vista così non sembra niente di speciale anche perchè ho fatto le foto di corsa, ma è la migliore pasta che abbia mai fatto! Non solo per il sughetto semplice ma buonissimo, soprattutto per l’accostamento triglie-caffè che ho trovato sorprendente. Il caffè è nell’impasto delle tagliatelle, in polvere, quello per la moka.
Ormai ci ho messo di tutto nelle tagliatelle, cacao, curry, zafferano, caffè, farina di ceci. Devo ancora provare col pangrattato e con la farina gialla, prossimamente.

La pasta è la solita pasta all’uovo fatta con 200 gr. di farina 00, 2 uova, una presa di sale, un cucchiaio di olio evo, acqua tiepida, e in questo caso un cucchiaino di caffè macinato mischiato alla farina.
Si lascia riposare un’oretta e poi si tira con la macchina, oggi le ho fatte più spesse e mi sono piaciute di più.
Il sughetto è semplicissimo: ho scaldato dell’olio evo in padella larga con aglio e zenzero a pezzetti (ma se preferite potete tritarlo con la grattugina di ceramica), ho aggiunto un peperone verde a pezzetti precedentemente cotto al forno e pelato, del peperoncino verde piccante, dei pomodori a pezzetti precedentemente scottati e pelati, ho salato, fatto insaporire alcuni minuti, aggiunto i filetti di triglia tagliati in tre parti, cotto alcuni minuti, spento, lasciato riposare.
Ho cotto le tagliatelle un minuto, le ho aggiunte al sugo, ho fatto insaporire un altro minuto, e portato in tavola in padella.

Questa ricetta partecipa al meme di Mimma “L’angolo del caffè” per festeggiare il blogcompleanno di Caffeine for 2.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓