Fiori di tarassaco

• 16 aprile 2009
- foto, erbe spontanee2 Comments

Ieri era una giornata estiva, 27 gradi all’una, e ho fatto un altro giretto sempre nello stesso posto e stavolta del tarassaco ho raccolto i fiori. Nel caso qualcuno si stia facendo prendere dall’invidia, tranquilli, oggi piove.
Con i fiori di tarassaco si può fare lo sciroppo, questo.
Io però lo zucchero l’ho eliminato e uso solo del malto ogni tanto, e avendo appena finito di leggere Sugar Blues (che vi consiglio perchè è molto interessante) l’idea di comprare tre chili di zucchero mi fa uno strano effetto e m’è anche venuto il dubbio di un errore di battitura perchè tre chili di zucchero mi sembrano un’enormità per 1 litro di acqua…
Allora ho fatto questo malto aromatizzato. Si fa in un attimo e in ogni caso l’uso e i benefici sono gli stessi, si può sciogliere nelle tisane ed è indicato per tosse, mal di gola, raffreddore, bronchite, lo possiamo tenere per i prossimi freddi perchè si conserva a lungo, almeno credo.
Dallo stesso post ho preso la “ricetta” per le uova decorate.
E nello stesso post ho anche conosciuto un’erba che non conoscevo, la piantaggine, e anche quella ho raccolto ieri, parecchia, ma ve ne parlo nel prossimo post.
Le dosi sono approssimative, i fiori erano credo 25/30, li ho puliti della parte verde e bolliti in un bicchiere di acqua (circa 200 ml) + 3 bicchieri di malto per 15 minuti, filtrato e invasato subito.

Ingredienti principali: ,

2 Responses to Fiori di tarassaco

  1. Angela scrive:

    ma che bello il tuo blog,volevo chiederti invece del malto potrei usare il miele?,ma dici che posso tenerlo x il prossimo inverno tranquillamente grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓