Insalata di primavera con pesto di aglio orsino

L’aglio orsino non l’ho raccolto io, mi è arrivato nella biocesta, non so neppure se si trova in giro, so solo che assomiglia al mughetto e adesso cat mi ha messo l’ansia da mughetto, quindi credo che non raccoglierò mai niente che gli somigli :-)
Comunque sto aglio orsino è buonissimo! Sia crudo che cotto. E’ più delicato rispetto all’aglio aglio, richiama più l’erba cipollina, sono le foglie col bocciolo bianco nella foto.
Insomma io queste foglie di aglio orsino le ho tritate con abbondanti mandorle e nocciole, olio d’oliva extra vergine, un pizzico di sale affumicato. Un pesto. Perfetto anche per la pasta.
L’insalata è fatta con rucola, tarassaco, piantaggine (poi giuro che non la nomino mai più) melissa, menta, prezzemolo (quello che ho trovato nei miei vasi) e fave cotte pochi minuti in acqua bollente (crude non mi piacciono, altra cosa arrivata nella biocesta).
Con aglio orsino, rucola, tarassaco e piantaggine ci ho fatto anche una minestra che più che una minestra sembrava una tisana :-) Semplicemente erbe, acqua e una spolverata di pecorino alla fine, niente sale. Buonissima :-)

Questo post partecipa alla raccolta di Susina SALADS

Ingredienti principali:

One Response to Insalata di primavera con pesto di aglio orsino

  1. simoff scrive:

    le tue raccolte sono davvero entusiasmanti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓