Sorbetto cetriolo e fragola

• 27 maggio 2009
* dolciNo Comments

Con questo caldo torrido viene spontaneo fiondarsi su cose fredde. E’ un errore ma viene spontaneo. E’ un errore perchè non bisognerebbe mai mangiare o bere niente di ghiacciato, oltretutto si sente il caldo ancora di più. Sarebbe meglio a temperatura ambiente, anche a 40 gradi. Comunque ho provato a fare un sorbetto senza zucchero. Col malto. E’ buono. Non è molto dolce per cui se siete zucchero-addict aggiungete del succo d’acero alla fine, che ci sta benissimo.
Se c’è una cosa che ho sempre odiato sono i cetrioli. Non mi piace il sapore. E non li digerisco. Da crudi. Poi ho scoperto che si possono cuocere leggermente e diventano commestibili anche per me. Per questo ho unito il frullato di cetriolo e fragola all’acqua bollente, per cuocerli leggermente. Poi l’unione con la fragola aiuta e alla fine non sa più di cetriolo crudo.

Sciogliere 3 cucchiai di malto in 250 ml di acqua.
Aggiungere quando è bollente la polpa del cetriolo e della fragola frullata (400 gr circa).
Quando è a temperatura ambiente mettere in freezer, dopo un’ora mescolare bene e nelle ore successive raschiare ogni mezz’ora con una forchetta. Se ve ne dimenticate basta lasciarlo un po’ a temperatura ambiente e poi raschiarlo per avere la consistenza di una granita.
Aggiungere succo d’acero al momento di servire.

Con lo stesso metodo semplicissimo si possono fare tantissime varianti.
Se preferite la versione “normale” con lo sciroppo di zucchero è qui.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Questa ricetta partecipa alla raccolta di Benedetta “Diet Light Blog”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓