Focaccia birra e castagne

• 11 ottobre 2009
* paneNo Comments

E’ una variante della focaccia a lievitazione lunga con patate, solo ci sono le castagne e la birra. Nel bel mezzo della mia fase sarda/struttosa sono arrivate dirompenti le castagne, per cui mi sa che è autunno, anche se fa un caldo, ancora, eh? A me dispiace per i ghiacciai che si sciolgono, davvero… ma st’estate lunga lunga calda calda che fa fatica a finire mi è piaciuta tantissimo.
Comunque la focaccia è ad impasto molto idratato ma impastato un po’ e a lievitazione lunga in frigo (24 ore). La cottura è a forno molto caldo. Buona. Retrogusto leggermente amarognolo e morbida dentro croccante (ma non troppo) fuori.

200 gr di lievito madre rinfrescato qualche ora prima
300 gr di farina 2
100 gr di patate cotte al vapore e schiacciate
100 gr di castagne bollite e frullate
250 ml di birra (la mia era bio di farro)
3 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di malto
1 cucchiaino di sale

Ho sciolto la pasta madre nella birra, aggiunto il malto, la farina, la patata, le castagne, l’olio e il sale, impasto risulta molto appiccicoso e molle ma non troppo, l’ho messa nell’impastatrice 5 minuti e poi ho impastato un paio di minuti a mano, e l’ho messa in frigo per 24 ore. Poi l’ho tolta, con l’aiuto della farina ho fatto le pieghe famose e ho diviso in due, formando due palline chiuse bene sotto. Ho lasciato a lievitare fino al raddoppio e poi ho steso delicatamente senza schiacciare troppo, ho cosparso con sale marino grigio, una spolverata di pepe, bagnato con un misto di olio e acqua e cotta nel forno caldo a 220 gradi per 10/15 minuti circa.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓