Lago di Endine ancora

• 29 aprile 2010
- foto, erbe spontanee12 Comments
 

Il posto è sempre questo, ma son passati quasi tre anni da quando ho fatto quelle foto, nel frattempo ho anche scoperto che non solo l’aglio orsino esiste, ma ce n’è tantissimo proprio in fondo al sentiero.

12 Responses to Lago di Endine ancora

  1. brii scrive:

    bellissimo, stella!
    ci sono stata 4 anni fa, e mi è piaciuto tantissimo!
    proprio oggi ho parlato dell’aglio orsino con alcune delle signore tedesche del gruppo..loro sostengono che l’aglio orsino dà il suo massimo quando non è ancora fiorito. quando fiorsice le foglie diventano più amare e di gusto più penetrante.
    baciussssssssss

  2. Saretta scrive:

    Oh Stella!Ma sai che dalle mie parti vedo solo i fiori di aglio orsino?Che le fogie le abbiano già spazzolate?Trovo siano bellissimi quei fiori, io di certo coglierei quelli mica le foglie ;)
    Posto incantevole cmq!baci
    PS:passa da me un momento…;)

  3. stelladisale scrive:

    si è vero, vale credo per tutte le erbe spontanee, che sono più tenere e delicate di sapore prima che fioriscano, soprattutto da mangiare crude, però anche i fiori sono buoni, ne ho raccolto parecchio, anche con i bulbini e le radici, poi in autunno si possono raccogliere anche i bulbi e usarli come l’aglio normale, però i bulbi è meglio raccoglierli quando la pianta è a riposo, no perchè lunedì sera ero a un incontro sulle erbe spontanee commestibili si nota molto? :-)
    il lago di endine era più bello 20 anni fa, adesso ci son troppe case, e poi una volta era pieno di cigni e anatre e d’inverno ghiacciava e sembrava un quadro di bruegel… tra un po’ cerco di fotografare le ninfee
    baci :-)

  4. stelladisale scrive:

    solo i fiori senza foglie? strano, si sono bellissimi :-)

  5. Titti scrive:

    Che bello!
    Proprio stasera ho fatto una torta salata con aglio orsino, champignon e patate…buonissima.
    E pensare che quando abitavo in Italia non ne avevo mai sentito parlare…Mi chiedo perchè in alcuni paesi se ne consumi tantissimo ed in altri quasi per nulla…

  6. lagaiaceliaca scrive:

    che bel posto… ispira una tale serenità…

  7. stelladisale scrive:

    si carino, poi nelle foto sembra che sia tutto verde perchè le case io non le inquadro :-)
    si è strana questa cosa che in alcune zone si mangiano alcune cose in altre no, per esempio lunedì sera ho scoperto che il famoso lampascione, quello spontaneo, cresce pure a bergamo…

  8. simoff scrive:

    siii …è arrivato il momento di darmi da fare per trovare un corso sulle erbe spontanee commestibili e andare in giro per campi.Aveo visto l’aglio orsino molte volte…ma appunto non conoscevo il suo nome e non avrei saputo cosa farci….occasioni perse ma che posso ritrovare.
    grazie stella, amo come te la natura e sei sempre una splendida guida.

  9. Caffettiera scrive:

    Anche a me piace tanto il lago di Endine, ci sono stata una volta sola tanti anni fa, l’ho riconosciuto subito dalle tue foto. Grazie!

  10. marcella scrive:

    Grrr… io ‘sto aglio ursino proprio non lo conosco, mannaggia!
    Al lago di Endine non ci sono mai stata, da che parti è?
    Bellissime le foto, come sempre!

  11. stelladisale scrive:

    caffettiera, allora mi sa che è un po’ cambiato :-) grazie a te

    marcella, il lago di endine è in valcavallina in provincia di bergamo, da bergamo vai verso la valcamonica e ci passi davanti, mezz’ora dall’autostrada… a presto :-)

  12. fra scrive:

    che scenario stupendo! sembra di stare davanti a un quadro. E l’atmosfera è così calma e rassicurante che trasmette in modo molto intenso la tranquillità di quei luoghi. Graze e un abbraccio
    fra

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓