Ravioloni di pastaquark ripieni di ortica

• 10 maggio 2010
* torte salate20 Comments
 

Non sono orgogliosa delle mie origini e neppure me ne vergogno, non vedo perchè dovremmo essere orgogliosi di una cosa che non è dipesa da noi, a volte cerco dentro di me un po’ di sangue romagnolo e faccio fatica a trovarlo, ho vissuto in vari posti e so che ci si può sentire a casa anche lontano, so anche che è dall’attaccamento eccessivo alle proprie origini che nasce il razzismo.
Però ieri sono stata tutto il giorno a guardare su una scadente televisione locale la noiosissima sfilata degli alpini, senza riuscire a staccarmi, perchè vedere bergamo così, bella come sempre ma invasa da centinaia di migliaia di persone, allegra colorata accogliente tricolore sorridente perfettamente-organizzata e commossa, è stato uno spettacolo. :-)

Tortine salate, che si possono fare con altre forme o in una unica grande torta tonda.
Il quark è un formaggio molto usato in germania, morbido spalmabile leggermente acido e mediamente grasso, lo trovo al naturasi, bio, lo si può sostituire con del buon formaggio spalmabile (per esempio a me piace quello della fattorie scaldasole bio fatto con lo yogurt) aggiungendo del buon yogurt magari fatto in casa, denso, oppure dello yogurt greco, oppure quello che prendo quando non lo faccio io o come starter e cioè quello biodinamico sempre della stessa marca, fino ad arrivare all’acidità che si preferisce.
Tempo fa ho visto da lory la sua pasta fintasfoglia con la ricotta, da allora m’è sempre rimasto in mente di provare, solo che in quella c’è parecchio burro ed ho voluto provare a fare una pasta matta col formaggio, che non ha niente a che vedere con quella ma è buona, cotta così al naturale non sapeva di niente ed aveva anche una consistenza un po’ gommosa, ma farcita, pennellata di olio e cosparsa di sale, mangiata tiepida, è buonissima.

Dentro c’ho messo le ortiche, come vedete dalla foto le ho scottate così poco che hanno ancora le spine, anche se non urticano più eh, ma sono proprio solo scottate un minuto, le ho messe nei ravioloni così com’erano, solo strizzate, neppure tritate o condite, solo fatte a pezzettini e cosparse col trito che avevo già usato col grano saraceno, mandorle con la buccia, semi di girasole, fiocchi di piselli. Va bene qualunque altro “parmigiano vegano” o anche del parmigiano vero o del pecorino, senza esagerare per evitare che copra il sapore dell’ortica.

 
 

250 gr formaggio quark
1 cucchaio olio evo
1 presa di sale
1 spolverata di pepi misti
farina 0 q.b.

ortica scottata
trito di mandorle con la pellicina, semi di girasole, fiocchi di piselli

olio evo
sale affumicato

Ho mischiato al formaggio l’olio e il sale, ho aggiunto la farina fino ad arrivare ad una consistenza morbida malleabile, tipo pongo, ho lasciato riposare una mezz’oretta e poi steso col mattarello alto circa 2 millimetri.
Ho tagliato dei dischi e messo al centro le ortiche e il trito, chiuso mettendo un altro disco sopra e schiacciato i bordi con la forchetta (ma il ripieno non c’è pericolo che esca perchè non c’è niente di liquido o che si sciolga), pennellato di olio e cosparso di sale affumicato (il ripieno è completamente sciapo, anche l’impasto non è molto salato, per cui meglio che almeno sopra ci sia un po’ di sale). Cotto in forno a 180 gradi per circa 25 minuti. Mangiati tiepidi.

Vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali:

20 Responses to Ravioloni di pastaquark ripieni di ortica

  1. Fedra scrive:

    WOW!! Che belli…Carina quest’idea della pasta sfoglia al formaggio.. Finora avevo solo provato la pasta frolla con la ricotta invece del burro (buona!!). La sperimenterò senz’altro..ma secondo te si può usare anche per una torta salata? Mi sembra di sì…
    Un bacione..buon lunedì

  2. Alex scrive:

    Stella, questo impasto è una genialata. Hanno un aspetto friabilissimo questi ravioloni. Visto che qui il quark lo trovo in quantità industriali, non posso non provare. Magari anche con un ripieno dolce.

  3. stelladisale scrive:

    si fedra, certo, è un impasto un po’ neutro, ci puoi fare qualunque cosa, baci buon lunedì

    alex, è la prima volta che lo assaggio il quark e me lo sarei mangiato così com’era col cucchiaino… un ripieno dolce ci sta benissimo

  4. Saretta scrive:

    Io ho in freezer un’impasto simile, molto leggero, che devo provare a breve.Intanto i tuoi ravioloni mi fanno uan gola bestiale e…mi hai anticipato, ho raccolto anch’io el ortiche sabato!bacione
    PS:cavolo, ero dai miei e vedevo alpini ovunque!!!

  5. stelladisale scrive:

    saretta, aspetto di vedere il tuo allora, e anche cosa ne hai fatto delle ortiche :-)

  6. manu e silvia scrive:

    Bella questa pasta con il formaggio nell’impasto! e molto particolare il sapore del ripieno!
    baci baci

  7. Giò scrive:

    devo avere in archivio una pasta simile con la ricotta..ma non l’ho mai provata. spero di riuscire ad andare per ortiche con Marcella il prox weekend..tempo permettendo così li provo

  8. stelladisale scrive:

    grazie manu e silvia, baci

    giò, senza burro? vorrei provare anche con la ricotta… speriamo smetta di piovere allora, ho fatto anche le lasagne con l’ortica, stay tuned :-)

  9. marcella scrive:

    Anch’io voglio le ortiche!!!!
    Volevo andare questo fine settimana, ma ha piovuto sempre!
    Sai che non ho mai assaggiato il quark?
    Devo rimediare! :-)

  10. simoff scrive:

    con la piantaggine è andata bene..il prossimo round sarà per l’ortica…ma til quark, scusa l’ignoranza è un latticino…perchè quelli non li posso usare…comunque l’impasto si lo voglio….slurp!

  11. stelladisale scrive:

    marcella, che buone che buone, io veramente sono andata che pioveva, se no se aspetti che smetta va a finire che non ci sono più i germogli e fioriscono, son buone lo stesso le foglie ma insomma il momento bello è questo, il quark è buono, è un po’ acido, cremoso, fresco… ah il tofu fermentato, l’ho fatto in due modi, quello col miso è buo-nis-si-mo, non le ho messe le noci, solo miso e tofu, 3 giorni ed era buonissimo

    simoff, si è un formaggio

  12. Lo scrive:

    ahah anche io mi sono sparata un po’ di sfilata di alpini nello speciale del tg regionale…ma quanta allegria c’era??? mi piace tantissimo questa tu apasta matta….quando vado al naturasì cerco il quarck! un bacione

  13. stelladisale scrive:

    si, una città in festa, bello… anzi tutta provincia e pure le province vicine…
    provalo è buono, baci :-)

  14. spighetta scrive:

    Che bella idea per l’impsto! Un giusto connubio tra gusto e leggerezza. Si potrebbe sostituire il quark con del silk tofu?
    …Proverò ;)

  15. Iris scrive:

    Sempre più appetitosi i tuoi piatti!
    Complimenti anche per il tuo nuovo template!
    Ciao,
    Iris

  16. stelladisale scrive:

    spighetta, si può provare, si

    iris, grazie

  17. ciciuzza scrive:

    Ciao Stella mi piace molto questa preparazione! una curiosità il quark si sente anche come sapore nell’impasto oppure da solo una consistenza particolare alla pasta?

    Per le origini ahimé io sono una di quelle persone molto orgogliose della propria terra però altrettanto aperta alla conoscenza di mondi diversi che faccio volentieri miei! :) penso che bisogno conoscere bene le proprie radici e saperle raccontare e far amare agli altri per ricevere indietro lo stesso trattamento ;)

  18. stelladisale scrive:

    si sente leggermente un retrogusto come di yogurt ma leggermente… io credo di avere radici un po’ aeree, come le fragole :-)

  19. Lory scrive:

    Wowwwwwwww ma che bella questa versione,le foto rendono bene e siccome adoro questi impasti proverò sicuramente ;-) )

  20. stelladisale scrive:

    grazie lory, finalmente sei passata anche tu dalla mia nuova casa eh :-) bacioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓