Lago di Endine a Endine

• 9 giugno 2010
- foto13 Comments

Lo dico subito perchè non pensiate che sia il posto delle fiabe. Prima di tutto il sentiero passa proprio sotto la statale che è trafficatissima, poi il lago è inquinato e inoltre la domenica è un delirio perchè arrivano i milanesi o i bergamaschi di città che tendono ad assomigliare sempre più ai milanesi, per cui ok carino ma non facciamoci prendere dall’entusiasmo :-) Comunque l’hanno fatta nuova la passeggiata ed è bella, tenuta bene, con i tavoli, i cestini, l’erba tagliata, ci sono anche i barbecue.
Prima volta che ci vado, è sempre il lago di endine ma a endine, le altre volte ero a spinone o a monasterolo.












 

13 Responses to Lago di Endine a Endine

  1. ALCHEMILLA scrive:

    Ci sono veramente quei fiori lì????
    Dimmi di sì che prendo la macchina e ci vado oggi stesso a vederli!
    Adoro il lago di Endine (non sapevo fosse tanto inquinato…) non sono mai andata a Endine, sempre a Monasterolo. Mi mette pace e tranquillità.

    Che splendide foto, anche quelle del post precedente. Mi piace come sai valorizzare i posti vicino a casa!

  2. stelladisale scrive:

    si le ninfee, ce n’è parecchie, adesso cominciano a fiorire, solo che la maggior parte non sono vicine alla riva, mah non è certo pulito, si vede a occhio nudo in alcuni punti, e infatti nessuno ci fa il bagno, a parte che coi pesci siluro io sinceramente non mi fiderei, secondo me quelli si mangiano pure le persone :-)
    fino a pochi anni fa c’erano tanti cigni e anatre a adesso invece ne vedi due in qua due in la, ‘na tristezza… comunque si, è carino lo stesso

  3. Saretta scrive:

    Ci soo passata nell’andare a Ponte di legno da Milano due anni fa…che peccato sia inquinato, la cornice è così carina!

  4. marcella scrive:

    Sarà anche un delirio di domanica, però è bello lo stesso, e poi le ninfee sono uno dei miei fiori preferiti!

  5. marcella scrive:

    Ops… domenica, non domanica!

  6. stelladisale scrive:

    mah non credo esistano laghi non inquinati, forse in alta montagna? mah… quando non c’è il divieto di balneazione è solo perchè a qualcuno scocciava perdere i turisti ed ha cambiato le regole… comunque almeno qui non ci sono industrie

  7. stelladisale scrive:

    marcella, per le ninfee bisognerebbe fare un giro in barca, ce n’è anche un tipo raro credo…

  8. Ba scrive:

    Hai regione, Stella: proprio ieri in tv hanno detto che i laghi d’Iseo e di Endine hanno acque pulite e balneabili, come da risultati delle prove effettuate. Viene da pensare che ciò dipenda dall’arrivo della stagione turistica più che da altro….

  9. stelladisale scrive:

    legambiente dice che la regione lombardia quest’anno ha reso balneabili un sacco di spiagge che l’anno scorso non lo erano semplicemente cambiando il metodo di analisi ;-)
    ciao barbara buon we

  10. Ba scrive:

    Buon we anche a te! In questo periodo dovrebbe prendere avvio “andar per musica”, con i suoi stupendi concerti. Se non sbaglio di solito ci sono delle serate anche dalle tue parti. L’anno scorso avevo visto Beltuner, e mi era piaciuto tantissimo. Se riesco conto di vederne qualcuno anche quest’anno. Ciaooo!

  11. stelladisale scrive:

    si, ci sono tutte le date qui: http://www.geomusic.it/concerti

  12. isafragola scrive:

    poveri milanesei, lasciaci almeno un po’ di poesia :-)

  13. stelladisale scrive:

    isa, tu sei di pavia, comunque “i milanesi” vorrebbe dire “gli sboroni di città che arrivano in provincia come se andassero nel terzo mondo e cioè pensando di essere una razza superiore” solo che per sintetizzare io dico milanesi, ma ormai siamo diventati sboroni anche in provincia :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓