Tartellette pesche e uvetta vegane senza zucchero

• 17 agosto 2010
* dolci, ricette vegane13 Comments
 

Se la vigilia di ferragosto piove piove piove e fa freddo e viene voglia di accendere il forno ma bisogna arrangiarsi con quello che c’è saltano fuori queste tartelette, quasi uguali a queste, senza zucchero ovviamente.
Le mandorle non le ho e metto quello che trovo, nell’impasto, poco convinta, ma alla fine erano così buone che ho fatto le foto (con la luce artificiale, perchè, appunto, sembrava novembre).

Frolla all’olio senza zucchero arrangiata con quello che c’è

130 gr di farina 0 bio
100 gr tra sesamo, armelline di albicocche (tritati al macinacaffè) e cocco disidratato
una presa di vaniglia in polvere
mezzo cucchiaino di cremor tartaro di quello addizionato con bicarbonato, che si trova nei negozi bio
1 pizzico di sale, ma poco poco poco
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
2 cucchiai di malto di mais bio
acqua q.b.

Mischiare tutti gli ingredienti ed amalgamare bene formando una palla, impastando qualche minuto diventa unta e si compatta, deve avere la consistenza della frolla. Non serve lasciarla riposare o metterla in frigo.
Ricoprire gli stampini unti schiacciando con le dita, livellare i bordi, spargerci sopra il ripieno. Ah il ripieno!

Pesche spadellate con uvetta e calvados ma anche il marsala va bene

2 pesche nettarine
una manciata di uvetta
calvados

Ho tagliato a pezzettini un paio di nettarine lasciando la buccia, le ho messe in padella con una manciata di uvetta e un pizzico di sale (poco eh) ho scaldato mescolando per qualche minuto ed ho aggiunto del calvados (avanzato dalle altre tartellette chissà quando la finirò quella bottiglia), non so quanto, a occhio, ed ho cotto a fuoco basso per una decina di minuti, anche meno, non devono spappolarsi. Niente zucchero.
Ho lasciato intiepidire e poi messo sulle tartellette.
Ho infornato a 180 gradi per 15 minuti circa.
Quando sono state tiepide le ho tolte dagli stampini ed ho versato sopra ognuna un cucchiaino di malto di grano, per lucidarle ma anche per aggiungere un po’ di dolcezza.

 

Vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: ,

13 Responses to Tartellette pesche e uvetta vegane senza zucchero

  1. Sorriso scrive:

    Ciao Stella, rieccomi!! Non appena riesco ti chiamo per un film insieme e ti racconto del viaggio. Le tartellette sembrano gustosissime!! un abbraccio

  2. stelladisale scrive:

    ciao! :-) tutto bene in danimarca? si erano buonissime davvero…

  3. manu e silvia scrive:

    Ciao! Eh si, anche qui la vigilia di ferragosto c’era un tempaccio! altro che sole e mare: pioggia e freddo!
    Deliziose e delicate queste frolle! Una base semplice e croccante, per un ripieno dolce e leggermente alcolico! Perfette da gustare davanti alla finestra…al calduccio!
    baci baci

  4. imma scrive:

    mmmmmmmm che dire stellina,ogni tua proposta è un invito irresistibile epr una golosa come me queste poi sono anche sane…che si puo volere di piu!!baci imma

  5. saretta scrive:

    Bellissime, geniale l’inserimento del sesamo nell’impasto!Sei troppo forte cara!

  6. frida scrive:

    Vediamo…
    - qui fa freschetto
    - io sono golosa
    - ho delle pesche da far fuori
    …sì sì ho tutti gli ingredienti per provare a fare questa leccornia ;) !
    Baci

  7. Elena scrive:

    Cara Stella, praticamente tutte le ricette del tuo blog riempiono i miei appunti di ‘ricette da provare’…sei creativa e geniale ciao

  8. stelladisale scrive:

    grazie, molto gentili tutte quante :-)

  9. isafragola scrive:

    che bel lucido che gli dà il malto! Ne sono avanzate per caso?

  10. stelladisale scrive:

    no isa :-) ce le siamo sbafate tutte :-)

  11. Luciana scrive:

    Che belle, e che buone devono essere!
    Non sapevo che il malto desse questo effetto lucido…odio la gelatina!
    Già messa nelle note “da fare”…dopo il viaggetto!
    bizbizbiz
    Luciana

  12. lelli scrive:

    Ciao,il tuo è il primo sito di cucina in lista tra i “preferiti”.Mi piacciono molto le tue ricette perchè curiosano tra i diversi tipi di cucina,in particolare vegetariana (io sono vegetariana..ma non fanatica)ma con levità,in modo aperto..Fatto per compleanno di mio figlio queste tortine ed erano molto buone, ma forse ho fatto l’ompasto troppo molle e la cottura quindi è stata più lunga.Ritento senz’altro perchè il gusto era delizioso!
    Grazie

  13. stelladisale scrive:

    grazie lelli, infatti è proprio “in modo aperto” che vorrei affrontare qualunque cosa, per l’impasto la consistenza del mio è come una frolla normale, solo meno compatta e più unta ma abbastanza dura…

    luciana scusa non ti avevo salutato, grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓