La fantasia è una cosa seria

• 7 novembre 2010
borse17 Comments

Questa sotto è l’ultima che ho fatto, di borse. La vedete meglio qui.
Se volevate una ricetta in alto c’è un pulsante con scritto indice e ce n’è così tante che… lo so sembra maleducato dire così ma davvero sono tante e nessuno le guarda mai quelle vecchie, potrei forse ricominciare da capo e nessuno se ne accorgerebbe.
Insomma adesso è il momento delle borse mi spiace.
Dicevo che questa è l’ultima, questo tessuto mi piace molto, è sostenuto ed ha questa lavorazione con le righe a rilievo che vista da vicino è molto particolare.
Quasi tutte le mie borse avrei voluto tenermele. Ne ho tenute 3. Una per tipo. Con la scusa di “provarle”. Adesso sto girando con una uguale a questa. E’ comodissima, grande, morbida, con la tracolla lunga come piace a me che te la metti di traverso e ti lascia le mani libere. Ne ho anche una uguale a questa. Molto carina, bellissimo il tessuto ma piccola. Non amo le borse piccole, non è che in quelle grandi ci metta molte cose ma mi piacciono le borse grandi. La prima che avevo tenuto quest’estate invece era uguale a questa. Il primo secchiello che ho fatto, la prima borsa foderata della mia vita.
Insomma faccio le cose che vorrei per me sperando che piacciano anche a qualcun’altro.
Le borse di stoffa mi hanno sempre attirato per un discorso di rispetto degli animali. E’ vero che continuo ad usare le scarpe di pelle ma se riduci tantissimo quasi a zero il consumo di prodotti di origine animale ti devi porre la questione della pelle. Per forza.
Il motivo per cui non ho mai acquistato una borsa di stoffa è molto semplice. Non ne ho mai trovata una che mi piaceva.
M-a-i. Sono un po’ difficile.
Vorrei una borsa di stoffa che abbia lo stesso stile eleganza forma resistenza comodità di quelle di pelle, l’idea è quella.
Non mi piacciono fantasie troppo sgargianti, mi piacciono i colori ma è come quando uno dice che gli piacciono gli animali, ah si? anche gli scorpioni? insomma colori è un po’ generico. Ho la fissa degli abbinamenti e solo ultimamente mi sono un po’ rilassata ma non so, forse sarà una deformazione professionale, sono un po’ pignola.
Perchè per anni ho disegnato. Per la precisione disegnavo decori per l’industria ceramica, noi la chiamavamo ricerca grafica, suona bene.
Lo facevo quando ancora non si usava il computer. Si, le auto già c’erano.
Sono stata immersa nella “decorazione” per anni. Pochi anni fa mi è capitato di vedere una “mia” piastrella in un negozio qui vicino. Un decoro disegnato anni fa, venduto ad un mio cliente, che a sua volta l’ha venduto a un terzo fuoco che a sua volta l’ha venduto ad una ceramica famosa. La signora del negozio quando ho detto sottovoce “ma questa è la mia” con l’aria un po’ stupita di chi ha reincontrato un parente dopo anni e l’ha trovato ancora uguale ha pensato che ce l’avessi in bagno a casa.
Un giorno vi racconterò com’è stato che son finita a modena a disegnare piastrelle a 23 anni perchè è una bella storia e anche quella ha a che fare col tessuto. Per il momento volevo solo spiegarvi in modo sconclusionato come sono arrivata a far le borse di stoffa e che la fantasia per me è una cosa seria.

 


 

E come se non fosse già abbastanza lungo sto post, c’è un’altra cosa che voglio segnalare a tutti i blogger. Se vi va potete pubblicizzare le mie borse. Mettendo un link nel vostro blog. Se vi sono piaciute ovviamente.
Qui sotto trovate un bannerino e il codice del bannerino.
Lo potete mettere nel vostro blog nella colonna laterale e se volete potete parlare delle mie borse in un post mettendo un link.
Cosa ci guadagnate? Uno sconto del 10% sull’acquisto delle borse e la spedizione gratuita, senza scadenza di tempo.
Basterà indicare il blog al momento dell’invio del modulo, io andrò a vedere e se il link compare in home page (nella colonna laterale o in un post recente) verrà applicato lo sconto. Tutto qui.


stelladisaleLAB - borse di stoffa

17 Responses to La fantasia è una cosa seria

  1. lagaiaceliaca scrive:

    ma sei bravissima!
    io che fra me e la creatività c’è il mare, sono sempre ammirata da chi riesce a creare con le mani delle cose così. complimenti!

    ne approfitto per una segnalazione. scusami se invado il tuo spazio, ma io e alcune altre ragazze cuciniere abbiamo pensato che la misura sia colma, mi riferisco alle esternazioni discriminatorie, sessiste e omofobe del presidente del consiglio.

    abbiamo così pensato a un contest-lampo, “Metti un finocchio a cena…. – Buon appetito Mr. B.!”
    Trovi tutte le info qui e
    qui!
    La scadenza è mercoledì, perché ci sembrava giusto fare qualcosa a caldo, ma non importa pubblicare qualcosa di nuovo, l’importante sarebbe aderire in tanti.

    ovviamente se sei d’accordo…

  2. stelladisale scrive:

    certo che sono daccordo! :-)

  3. Azabel scrive:

    Ciao cara… di corsa, di corsissima e poi leggo con calma, intanto se posso un piccolo suggerimento: dal bannerino non si capisce cosa fai, non so se è una scelta ponderata!

  4. stelladisale scrive:

    ciao alice, si lo so, c’è solo sull’alt che sono borse magari invece dell’indirizzo ci scrivo borse di stoffa, che tanto per l’indirizzo basta cliccarci su

  5. saretta scrive:

    Sai quanto ammiri chi ha capacità creative e manuali..Bravissima Stella!

  6. marcella scrive:

    Hai ragione: la fantasia è una cosa seria, anzi, serissima.
    E io non ce l’ho. Zero, meno di niente.
    E allora ammiro le persone come te, che riescono ad infilare un ingrediente stranissimo in un piatto, che riescono da un pezzo di tappezzeria a ricavarci una borsa.
    Io sono una discreta copiatrice, Non di lavori manuali, perchè per me la manualità è assolutamente sconosciuta.
    Il massimo della manualità la esprimo nella formatura del pane, e nei biscotti (fatti con gli stampini!)!
    E poi non è vero che l’indice non lo guarda nessuno. Io sì.
    Tue ricette ne faccio parecchie, perchè so che se sbircio qui, trovo qualcosa da fare in fretta, buono, e molto spesso vegano (o quasi).
    E poi mi piace venire qui e vedere altro all’infuori delle ricette. Borse, emergency, cosmesi naturale, detersivi bio, alghe…
    Io sono contenta di averti incontrato, sia sul blog che di persona.
    Bacio!

  7. stelladisale scrive:

    grazie saretta! :-)

    grazie marcella, mi piace quando questo blog diventa un salottino dove si fa conversazione, alcune ricette che sono nell’indice non me le ricordo più neppure io, ah tu volevi un resoconto del bioveganfest, vero? non ti sei persa niente di importante, a me più che altro è piaciuto che c’era poca gente ed ho conosciuto azabel che non so se la conosci ma ha un blog bellissimo vegano lo trovi qui sopra il link nei commenti e abbiamo chiacchierato parecchio, c’erano pochi stand, poche cose da mangiare, un kebab buono, un ristorante dove abbiamo mangiato dopo aver aspettato 2 ore il peggior riso della mia vita, ho comprato dei formaggi vegani che per essere vegani sono buoni (vegusto), pistacchi di bronte, mandorle pugliesi, muscolo di grano, canapa in diverse forme, tutto sommato interessante ma se uno non è vicino non vale la pena il viaggio, molto meglio “fa la cosa giusta”… quello dobbiamo andarci insieme assolutamente :-)

  8. Felix scrive:

    Beh… a me le borse piacciono quanto se non più delle ricette! E questa ultima la trovo bellissima!
    Ora acchiappo il bannerino, e non per lo sconto… ma perché davvero vale la pena di pubblicizzare queste tue splendide creazioni!

    Buona giornata :-)

  9. Elvira scrive:

    Io per ora metto il link :) )

    Che bella la storia della mattonella ritrovata, e tutto il post mi e’ piaciuto. Non dimenticare di raccontarci di come sei “finita” a 23 anni a disegnare piastrelle a Modena :)

  10. stelladisale scrive:

    grazie felix :-)

    elvira, si è strano vedere in giro una cosa che hai disegnato tu, va in produzione una minima parte di quello che si fa e poi tantissimo va all’estero… no che me lo ricordo, la prossima volta, dopo il finocchio di sicuro la racconto :-)

  11. marta scrive:

    due cose: 1) io le tue vecchie ricette me le rileggo eccome! mi è capitato più d’una volta di spulciare l’indice alla ricerca di un’idea ;) – 2) le tue borse sono davvero belle ed apprezzo la scelta dei tessuti in particolare! venirti a leggere è sempre divertente e stimolante, grassie ^__^ marta

  12. stelladisale scrive:

    grazie, per tutte e due le cose :-)

  13. Fedra scrive:

    belle, bellissime.. non vedo l’ora di vederle :o ) hai fatto bene a rimetterle sul blog… bisogna super pubblicizzarle. così anch’io metterò il tuo bannerino sul mio blog..solo che non lo aggiorno da un sacco e non so quanto potrà servire..però lo metto, non si sa mai. A prestissimo!! :o )

  14. lise.charmel scrive:

    be’, io le tue borse le ho comprate e le trovo bellissime, oggi sto usando quella che ho preso per me e sono tutta orgogliosa. e siccome penso proprio che te ne ordinerò altre un po’ più grandi approfitto dell’offerta e corro a mettere il bannerino sul mio blog

  15. marcella scrive:

    Eh, eh, visto che non sono l’unica che spulcia le tue ricette?
    Grazie per il resoconto!
    Eccerto che conosco virtualmente Azabel: rubo parecchie ricette anche da lei!!! ;-)
    Per “fai la cosa giusta ” ci sto! Solo che, a meno che sia un lunedì, ho bisogno di sapere il giorno con un po’ di anticipo, così, se me lo concedono, chiedo un giorno di permesso!
    Per i pistacchi di bronte bio: io li ho presi a Milano da “l’orto botanico”, dove , tra l’altro ho trovato tofu e tempeh che tu sai!

  16. stelladisale scrive:

    fedra, mi scoccia intasare il blog di borse ma hanno più visibilità, l’altro sito è nuovo… a presto, ricordami di mandarmi le indicazioni eh :-)

    grazie lise.charmel, sono felicissima che ti sian piaciute anche dal vivo :-)

    marcella, azabel è una persona speciale anche non virtualmente che mi sembra di conoscere da sempre, fa la cosa giusta è in primavera per cui c’è tempo, io ero andata di sabato…

  17. roberta cobrizo scrive:

    Io non lo interpreto come un “intasamento”, anzi. Se il blog è un tuo diario, è bene che rifletta il momento e il tuo stato d’animo. Ben vengano le novità. Approvo pienamente! ;-) … e come potrei dire diversamente? io sto intasando il mio di perle, (anche se non è un food blog) e sicuramente qualcuno avrà da ridire, ma chi se ne importa.
    Ma il momento è così.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓