Assorbire e riflettere

• 7 febbraio 2011
- pensieri vari20 Comments

“Assorbire e riflettere. Cogliere l’essenza delle cose animate e ferme. Lasciarti passare attraverso la luce e il buio dell’universo. Cogliere il punto di equilibrio profondo. Provarci, almeno. Il che non ti impedisce di cadere ogni tanto in un vuoto improvviso di significati, a meno che tu non sia molto dedito a sostenere una parte.”
“Quale parte?”
“Della convinzione assoluta e della certezza assoluta, dell’illuminazione assoluta.”

Chi indovina da quale libro sono prese queste frasi non vince niente, però a me farebbe piacere sapere che qualcuno ci prova. Aiuto numero 1: il titolo del libro è il concetto stesso di cui si parla. Aiuto numero 2: autore italiano vivente maschio.

M’è venuta la sindrome “per un pugno di libri”.
La ricetta invece era pronta per essere pubblicata poi ho cambiato idea perchè era la solita ricetta uguale più o meno a tutte le altre e poi ho visto delle ricette così belle in giro per blog e allora mi sono vergognata per cui niente ricetta.
Quando ho qualcosa di interessante lo pubblico ma volevo lasciare un segno, comunque.
Dai provate ad indovinare il libro, non è un bel concetto? Magari senza contesto poco comprensibile, non dovete pensare che “l’illuminazione assoluta” sia vista come una cosa positiva, è intesa come mancanza di elasticità e apertura, è un atteggiamento, è il sostenere una parte… è fissato questo scrittore con gli “atteggiamenti” (aiuto numero 3).

Non è bello parlare a vanvera ogni tanto? E poi non so da voi ma qui c’è un caldo primaverile di quelli che vien voglia di non fare niente se non leggere al sole. Maricler questa mattina mi chiedeva come mai non c’ero, ad IG. Non c’ero perchè in questo periodo sono profondamente stanca.

Avete visto “Presa diretta” ieri sera? Se non l’avete visto potete vederlo qui, è stato molto interessante, c’è anche un pezzo del posto in cui vivo, alla fine della puntata.

Se vi sembra un post sconclusionato avete ragione, lo è :-)

20 Responses to Assorbire e riflettere

  1. stelladisale scrive:

    fissato con gli atteggiamenti come lui non ce n’è eh? :-) mannaggia l’ha indovinato subito la vale in fb, mi sa che non sono brava a fare i quiz…

  2. valentina scrive:

    No no che dici, sei bravissima é che a me piace un sacco… :D

  3. lydia scrive:

    A me questi quiz piacciono molto!!!

  4. Giò scrive:

    sono d’accordo con Lydia! mi vedrei meglio con i film ma mi piace leggere le citazioni e dare forma, immagine e movimento alle parole. questa citazione mi è sembrata una bellissima danza , un turbine di pennellate dense di colore. vorrei farne un quadro. devo rileggerlo questo libro!

  5. stelladisale scrive:

    ah beh ma se vi piacciono allora ogni tanto faccio un indovinello :-)

  6. saretta scrive:

    Non leggo De carlo da un po’ ma..sai che ho pensato subito a lui?!Scrive davvero bene, mi sa che vado a recuperare i libri “persi”.Nemmeno io ero a IG, me ne sono tornata in patria dalla family e dalle amiche :) baciotti stelina

  7. stelladisale scrive:

    saretta, credo di averli letti tutti, alcuni anche riletti, anche l’ultimo è bello, baci buona giornata

    comunque questo è “Pura vita”

  8. saretta scrive:

    Allora l’ho letto!Ma troppo tempo fa..vado a rivedere..grazie!

  9. marcella scrive:

    Ecco, io non ho mai letto De Carlo, e non avrei potuto partecipare al gioco, ma ho captato al volo “l’illuminazione assoluta” come mancanza di elasticità…
    Anche a me piacciono questi giochi, anche perchè sono stimolanti per nuove letture e nuovi orizzonti!

  10. stelladisale scrive:

    ti piacerebbe, come stile non so ma come concetti di sicuro, ha una mentalità oserei dire da decrescita…

  11. Stefano Cabrera scrive:

    Ciao Stelladisale :-)
    Anche io vengo sottoposto spesso da mia madre alla prova ‘pugno di libri’.
    Continua con i post’sconclusionati’ :-D

    GnuS

  12. La Princi scrive:

    dall’incipit di questo post mi son sentita protagonista proprio del programma ‘per un pugno di libri’
    per nulla banale questo post anzi fa riflettere e ispira alla lettura di ‘Pura Vita’

  13. stelladisale scrive:

    ciao stefano :-) ok allora posso continuare con le divagazioni…

    la princi, grazie, non essere banale non mi dispiace

  14. lelli scrive:

    Urca!Il titolo si può sapere? Ho un libro di Lui ma non l’ho mai letto,è cosi profondo?
    Bella idea “il quiz dei libri”,aspetto il prossimo…Voglia di cucinare saltami addosso ora, ma anche tutto il resto…Belli i post sconclusionati, che non lo sono affatto poi…

  15. Geillis scrive:

    Ma ogni tanto è bello parlare d’altro, non siamo micha cuochi professionisti!! Il blog è un pezzetto di sè stessi, e dentro c’è un po’ di tutto, pensieri, emozioni, anche qualche libro letto, perchè No??
    geillis

  16. stelladisale scrive:

    lelli, il titolo di questo è “Pura vita”, si io lo trovo profondo… allora ne farò ancora di quiz :-)

    geillis, si infatti è quello che penso anche io

  17. izn scrive:

    Adoro i post sconclusionati :-) tipo cappellaio matto. Se ricominciassi adesso farei un blog tutto così. Non ci verrebbe nessuno ma mi divertirei come una pazza. Mi sa che me lo riservo per la pensione. Ah, già, io non ce l’avrò, la pensione 8-/

  18. simoff scrive:

    non avrei indovinato ..de carlo non l’ho letto..ma mi hai molto incuriosito ..di te mi fido..e vedo che altre blogger amiche lo apprezzano … sei sempre stimolante e profonda….aspetto il prossimo giochino!
    p.s. guarda che le tue ricette, anche se “sembrano” come le altre…hanno sempre un tocco personale…

  19. stelladisale scrive:

    grazie simoff per la fiducia

    izn chi l’ha detto che non ci verrebbe nessuno…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓