Orto botanico di bergamo

• 11 maggio 2011
- foto9 Comments

Oggi sono stata all’orto botanico di bergamo, in città alta.
Se avete visto altri orti botanici in giro per l’europa, io per esempio ho visto londra e dublino che sono bellissimi, ecco se avete in mente quel genere di orto botanico lasciate perdere perchè questo è tutt’un altro genere, piccolino, con tantissime piante da tutto il mondo, di alcune per la verità c’è solo il cartellino e a volte si fa fatica a capire a quale pianta corrisponda sto cartellino ma comunque è interessante perchè ci sono rappresentati diversi ambienti, c’è l’area delle piante autoctone, con una torbiera, uno stagnetto e un accenno di bosco, c’è l’area delle piante esotiche, con un laghetto, sentierini, ruscelletto, ponticello (sto usando troppo diminuitivi?), poi c’è l’area delle aromatiche, quella delle piante mediterranee, insomma carino, c’è una verandina con dei vasetti e delle piantine grasse, c’è anche una serretta tropicale, piccola pure quella. Comunque adesso è il periodo delle ninfee e se ci si concentra sul particolare ci si può sentire in un quadro di monet :-) Quelle rosa sono del laghetto tropicale, mentre le ninfee bianche e i fiori gialli (nannufaro si chiama ma io lo chiamo ranuncolone) sono specie autoctone e ci sono anche nei laghi di endine e di piangaiano. L’ingresso è libero ed è un bell’angolino di pace dove rilassarsi un attimo su una panchina.

 

9 Responses to Orto botanico di bergamo

  1. rossella scrive:

    Anche a me piace molto il nostro orto botanico. Un paio di anni fa ho anche fatto del volontariato per risistemare le piante grasse della serra… grazie delle belle foto !!!

  2. Alchemilla scrive:

    Da quanto vorrei andarci e me ne dimentico sempre!
    Certo tu sei la mia fonte d’ispirazione bergamasca!!!

  3. Sorriso scrive:

    Le fotografie sono carinissime!
    Lo ricordo con piacere perché ci sono andata con una cara amica la prima volta e ci siamo perse tra piante-fiori-parole…
    Sorrisi cara!

  4. stelladisale scrive:

    grazie ragazze :-) baci

  5. Ba scrive:

    Bellissimo!
    Pensa che fortunati i miei figli, ad avere un insegnante di scola d’infanzia che li ha sempre portati in gita all’orto botanico, all’accademia Carrara, al museo di arte moderna, al museo di scienze naturali, piuttosto che a Lilliput o in tanti altri posti in tanta galera. Abbiamo questi posti bellissimi, a dimensione umana, tra l’altro gratuiti e spesso non li conosciamo, e nemmeno abituiamo i nostri figli a fruirne! Il lato negativo di consumismo e globalizzazione…

  6. stelladisale scrive:

    si davvero fortunati, perchè magari le famiglie appunto li portano nei centri commerciali dove mangiano merda da macdonalds e si rincoglioniscono sui giochini (son fissata con sta cosa dei centri commerciali) e almeno la scuola li porta in posti belli…

  7. Ba scrive:

    Almeno la scuola…..magari!! Direi piuttosto alcuni insegnanti in gamba, perchè credimi: tanti insegnanti li portano in gita in posti tipo centro commerciale, che mi viene il vomito a pensarci! Quindi la nostra parte come genitori la dobbiamo comunque fare, solo che a volte manca anche a noi la fantasia o la voglia. Sarà meglio che mi fermi, perchè anche io ho certe fisse in merito ai centri commercialei e alla tv, e se comincio divento pesante…

  8. marcella scrive:

    Ma dai! Non sapevo che Bergamo avesse un orto botanico! E per di più gratis!
    Le ninfee sono il mio fiore preferito (insieme alle ortensie): andrò sicuramente a vederlo!

  9. stelladisale scrive:

    e la domenica fanno le visite guidate il pomeriggio, sempre gratis…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓