Hummus di fagioli dell’occhio

• 14 settembre 2011
* salse, ricette vegane15 Comments
 

Il bello dell’hummus è che si può fare con qualunque tipo di legume. E a chi non piace l’hummus? Piace a tutti. Io lo faccio senza aglio per cui piace proprio a tutti. I fagioli dell’occhio sembrano nati apposta per zittire quelli che quando nomini i legumi ti dicono uno che gonfiano due che ci mettono una vita a cuocere. Perchè i fagioli dell’occhio non danno aerofagia come i borlotti e ci mettono pochissimo a cuocere, mezz’oretta non di più, basta fare un breve ammollo prima. Ovviamente secchi. Quelli freschi non li ho mai visti.

Ho fatto a occhio, i fagioli li ho cotti in acqua con sale e rosmarino, poi li ho frullati con il tahin, poca salsa di soia, poco aceto di mele e un po’ di acqua di cottura dei fagioli (un po’ di fagioli li ho lasciati in acqua e c’ho cotto il riso, viene una minestra buonissima). Sopra ho versato l’olio evo. Non ci sta male una spolverata di pepe, o di paprika, o delle erbe tritate per esempio menta o coriandolo o semplicemente prezzemolo.

L’altro hummus, quasi “normale”, è qui.

La ricetta è banalissima ma il post l’ho fatto per dirvi che dopo due mesi di quasi pausa dove sembravo in vacanza “col có” vado in vacanza davvero, ma torno presto. Dove vado lo sanno tutti (ok tutti tutti no ma quando torno ve lo dico), il ciuffetto di elicriso non è messo lì per caso. La brutta notizia è che probabilmente quando tornerò avrò delle foto da postare ;-)

Ingredienti principali: , ,

15 Responses to Hummus di fagioli dell’occhio

  1. marcella scrive:

    1) Mai fatto alcun tipo di hummus: devo provvedere al più presto!
    2) Buone vacanze!
    3) Molto felice che tu faccia tante foto del posto che visiterai! :-)

  2. stelladisale scrive:

    grazie marcella :-)

  3. Giò scrive:

    l’hummus mi piace sempre un sacco, soprattutto con l’aglio alla faccia dell’alito! felice per la partenza (sono tra quelli che non sanno la destinazione, avrò la sorpresa)e soprattutto per la brutta notizia!

  4. Serena scrive:

    Ho provato solo l’hummus con i ceci. Devo rimediare! Concordo con te sullo zittire tutti quanti :)
    Buona vacanza anche se nemmeno io so la destinazione… Aspetto anch’io le tue foto!
    Divertiti :)

  5. ciciuzza scrive:

    buone vacanze. non vedo l’ora di vedere le tue foto :)

  6. stelladisale scrive:

    grazie ragazze :-)

  7. sara scrive:

    Stellina!Io “col co’” sono ancora un po’ via col vento ma..apprezxo mlto questo hummus!BUONE VACANZEEEEEEEEEEEEE!!!bacioni

  8. stelladisale scrive:

    grazie saretta :-)

  9. twostella scrive:

    Ho già messo i fagioli dell’occhio in ammollo, domani cottura veloce e vai di frullatore. Per cena sarà anche sulla mia tavola :-)
    Buona vacanza!

  10. Agave scrive:

    Io non ho mai mangiato l’hummus e credo lo proverò! Buone vacanze, non so dove andrai, a questo punto non vedo l’ora di scoprirlo con le foto!
    Evelin

  11. Elena scrive:

    Buone vacanze! l’hummus è buono anche coi piselli secchi…un po’ di succo di limone??

  12. k scrive:

    mi unisco al coro delle “buone vacanze”, anzi ottime!!! Quanto vorrei un vasetto di coriandolo da aggiungere all’hummus!! il prossimo anno devo attrezzarmi e seminarlo dai miei!

  13. fragoliva scrive:

    che bel suggerimento il tuo, ci proverò sicuramente
    A.

  14. lelli scrive:

    L’hummus lo faccio spesso coi ceci,se dici che i fagioli col “voli” non danno quegli effetti antisociali , proverò!Cosa vuol dire “col cò”?Buona vacanza,beata tè…..

  15. pinguil scrive:

    Non ho mai pensato ad un humus diverso da quello di ceci.. bella trovata Ste’ !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓