Frittelle dolci di pasta madre

• 14 marzo 2012
* dolci23 Comments
 
 

La pasta madre, così com’è, più o meno, si può friggere. Capita a volte che avanzi e che non si abbia voglia di fare il pane, magari quando si fanno dei rinfreschi ravvicinati, e c’è tutta una tradizione in italia da nord a sud di cose lievitate fritte, il fatto che sia un lievito non deve spaventare, in realtà la pasta madre quando è matura (la mia ha 5 anni) non è particolarmente acida, è un impasto lievitato, niente di più.
Io ho fatto una cosa molto semplice, mediamente dolce, delle frittelle che somigliano un po’ a quelle classiche di carnevale (si lo so che è passato). E’ una ricetta di quelle che metti quello ti capita e in un attimo fai tutto.

260 gr di pasta madre rinfrescata il giorno prima
1 cucchiaio di succo di mela concentrato
mezzo cucchiaino di sale marino integrale
1 pugno di uvetta
mezzo cucchiaino piccolo di vaniglia in polvere
un cucchiaino di grappa aromatizzata all’arancia e vaniglia
, tipo questa
100 ml di acqua

Tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici.

Ho mischiato tutti gli ingredienti, l’acqua l’ho aggiunta per avere un composto simile a quello delle frittelle, morbido.
Ho scaldato l’olio (e.v.o. bio) nell’wok e ho fritto prendendo l’impasto con due cucchiaini, come a formare delle quenelle, in realtà degli ammassi informi bitorzoluti sgocciolanti :-)
Le ho messe sulla carta per assorbire l’olio e poi cosparse di zucchero muscobado tritato al macinacaffè per farlo “a velo”, un velo beige.

Che poi tutto questo era per arrivare al sapone, perchè non friggo mai, ma volevo provare a fare il sapone con l’olio usato. E questo ve lo racconto la prossima volta.

p.s. – oggi ho raccolto le prime foglioline di aglio orsino, al lago, c’erano 20 gradi e mi sa che è primavera! :-)

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: , ,

23 Responses to Frittelle dolci di pasta madre

  1. Zucchero D'Uva scrive:

    si possono fare anche con la pasta di pane lievitata…
    vorrei sapere di più di questo succo di mela concentrato, venerdì vado a fare la spesa bio e vorrei comprarlo…
    Anch’io non friggo quasi mai, ma secondo te, al forno come vengono?

  2. lauretta scrive:

    vorrei provare a fare la pasta madre ma non so da che parte cominciare…consigli?
    stella stamattina aprendo la finestra del bagno ho visto i primi boccioli di pesca aprirsi…è primavera!! :)

  3. stelladisale scrive:

    zucchero d’uva, in forno non saprei, per il succo di mela trovi info nei post precedenti

    lauretta, si, è primavera :-)
    per la pasta madre non ti conviene farla nuova, se mi mandi l’indirizzo in email te la spedisco io

  4. Luciana scrive:

    Qualche cosa di meraviglioso!
    Ieri ho ritirato il libro delle sorelle Simili per iniziare il viaggio della pasta madre!
    Chissà…

  5. stelladisale scrive:

    luciana, buon divertimento allora, un libro delle sorelle simili ce l’ho anche io ma di pasta madre parla poco…

  6. lauretta scrive:

    davvero me la manderesti?
    ma non sai che gioia… :)
    ti scrivo subito in mail! grazie infinite :)
    sei unica!

  7. stelladisale scrive:

    zucchero d’uva, qui si parlava del succo di mela concentrato, anche nei commenti: http://www.stelladisale.it/2012/02/mezzelune-con-la-marmellata-senza-senza-senza/

  8. elena scrive:

    Vedi che idea? sono anni che traffico con la pasta madre ma questa delle frittelle non l’ho mai vista in nessun blog…nè mi è mai venuta in mente…geniale!!!

  9. stelladisale scrive:

    ciao elena, si può anche allungare e usare come pastella per friggere le verdure, o anche il tofu… izn del pasto nudo invece ha fatto delle frittelle ma cotte in padella, credo

  10. tiziana scrive:

    …per una golosa incallita come me, sentire che si fan le frittelle per arrivare al sapone è davvero incredibile;-DDD
    Un cordialissimo saluto,
    Tiziana

  11. stelladisale scrive:

    tiziana, non sono golosa ma una volta lo ero per cui ti capisco :-)

  12. Luciana scrive:

    Ho seguito il consiglio di una blogger che mi affascina molto.Il libro è “Pane e roba dolce”.
    Dai, dammi coraggio!
    luciana

  13. stelladisale scrive:

    luciana, ma certo vedrai che ti diverti :-) il libro è quello che ho io ma io ho usato un metodo diverso per fare la pasta madre e faccio anche il pane in modo diverso, comunque ognuno poi trova il suo metodo personale, e qualunque ricetta fatta col lievito di birra si può convertire con la pasta madre…

  14. zucchero d'uva scrive:

    Si, grazie mille, li avevo trovati…
    Oggi vado e lo cerco :-)
    Adoro cucinare con i principi che segui anche tu.
    Della pasta madre non so più fare a meno e ho affrontato un grosso cambiamento proprio negli ultimi due mesi.
    Grazie ancora

  15. Sara scrive:

    Le ho mangiate una volta in Puglia le pittile, ma mi sa che preferirei la tua versione al sapore di mela :D
    Un bacione Stella!

  16. Caffettiera scrive:

    Appena viste ho pensato fossero salate: in Calabria ne fanno una versione con le acciughe dentro e un impasto tipo pane ma piu’ liquido (insomma, come questo ma senza lievito naturale :) ), le chiamano crispelle. Le tue sono bellissime! Qui in Inghilterra ancora niente aglio ursino, ma gli alberi sono fioriti e nei posti al sole anche qualche tulipano.

  17. stelladisale scrive:

    zucchero d’uva, di niente, sono felice che tu ami questa cucina

    saretta! ma la smetti di andare in vacanza ma non vedi che ti fa male poi tornare? mi fai morire dal ridere sembri la pubblicità delle crociere… dai che col we ti riprendi

    caffettiera, come mi piace scoprire tutte queste cose tipiche regionali, che poi si fanno simili un po’ dappertutto, la prossima volta le faccio salate…
    a poco a poco nonostante siano mesi che non piove sta germogliando un po’ tutto, è il periodo dell’anno che preferisco :-)

  18. marcella scrive:

    No!!!! La frittelle di pasta di pane no! Io le adoro, ma ovviamente non le faccio mai!
    Ti invidio l’aglio ursino, perchè mi piace moltissimo, ma non so dove trovarlo.
    Anch’io sono in modalità “sapone fatto in casa”, ma non ho ancora azzardato niente, anche se ho studiato e sto studiando tanto!

  19. Zucchero D'Uva scrive:

    Trovato e comprato, al più presto lo provo…grazie mille!

  20. stelladisale scrive:

    marcella, ma dai falle vengono leggerissime con l’olio d’oliva, eh io l’aglio orsino avevo provato anche a mettere dei bulbi nel vaso ma m’è morto, ha bisogno di ambienti umidi paludosi, credo… il sapone quando lo posto vedrai che ricetta facile, che ovviamente si può fare anche con l’olio non usato, volevo fare stagionare un po’ il sapone prima di postarla, sono strafelice perchè avevo provato con un altro metodo e non m’ha fatto il nastro, un nervoso!

  21. Sorriso scrive:

    Ciao Stella, è da un pò che non ti passavo a trovare. Come sempre trovo consigli splendidi e mi fermo molto a coglierli tutti. Spero tu stia bene, Ti mando un abbraccio.

  22. stelladisale scrive:

    daniela, ciao! si si tutto bene qui, grazie :-) baci

  23. marcella scrive:

    Oddio, già mi vedo nel tunnel del sapone! XDDD

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓