Finta carbonara di zucchine

• 23 luglio 2012
* pasta, ricette vegane, salutiamoci23 Comments
 
 

Finta carbonara di zucchine che si potrebbe anche chiamare “pasta con sugo di zucchine e crema di ceci”, ma la prima secondo me rende meglio l’idea.
Tempo fa parlavo di come i vegan usano la farina di ceci per fare la finta carbonara e alla fine è saltato fuori che ‘sta cosa la conoscevo solo io che non sono neppure vegan. M’è anche venuto il dubbio di essermela inventata.

Comunque intendevo dire che la farina di ceci è ottima per sostituire l’uovo, per me che non amo le uova è anche più buona e più gestibile. Con la farina di ceci si fanno le farifrittate vegan (un incrocio tra una frittata e una farinata), si fanno le crepes vegan, le quiche…
La consistenza di questa “carbonara” è molto simile a quella vera, vischiosa, con la differenza che se cuoce un attimo non diventa una stracciatella e che la si può allungare facilmente.
Ovviamente non ha niente della carbonara classica ma può assomigliare molto alla carbonara vegetariana fatta con le uova e con le zucchine. Si possono variare le verdure a piacimento, per esempio l’ho fatta con i pomodorini confit ed è buonissima.
Io penso che anche il più convinto carnivoro o onnivoro se ha la passione della cucina (per non parlare degli chef) dovrebbe saper cucinare anche qualcosa di vegan perchè non si sa mai. Può sempre capitare un ospite vegan o allergico al lattosio e non puoi rifilargli solo un’insalata. Salutiamoci vi può aiutare anche in questo, con le sue raccolte di ricette.


pasta integrale di farro (in questo caso pennette rigate)
2 zucchine piccole
uno spicchio d’aglio
un pezzetto di zenzero fresco
semi di anice
olio d’oliva e.v.
1 cucchiaio di farina di ceci
lievito alimentare in scaglie
erba luigia (cedrina)

tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici

Ho tagliato a dadini le zucchine lasciando la buccia, ho grattato con la grattugina di ceramica aglio e zenzero, messo in padella con olio e semi di anice e cotto per 5 minuti (le zucchine devono rimanere sode, perlomeno a me piacciono così). Non ho salato perchè mi sono dimenticata, ma non è necessario.
Nel frattempo avevo messo a cuocere la pasta.
Ho sparso nella padella con le zucchine la farina di ceci, mescolato bene e poi ho aggiunto mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta (che contiene amido essendo la pasta già quasi cotta), ho mescolato bene formando una cremina.
Ho aggiunto anche la pasta in padella e mescolato, a questo punto se il sugo è denso si può aggiungere ancora un po’ di acqua, se fosse troppo liquido si può aggiungere un pochino di farina di ceci spargendola bene.
Ho aggiunto anche del lievito alimentare in scaglie e dell’erba cedrina tagliata fine per un tocco agrumato che secondo me ci sta benissimo (va bene anche della scorzetta di limone o del timo limone).

Anche questa ricetta, ovviamente, partecipa a SALUTIAMOCI di luglio, ospitato da Cobrizo, protagoniste le zucchine.

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: , ,

23 Responses to Finta carbonara di zucchine

  1. lauretta scrive:

    sono curiosa…il lievito a scaglie perchè? per insaporire?
    per arricchire?

  2. stelladisale scrive:

    entrambe le cose, lauretta, insaporisce e arricchisce di vitamine e ferro :-) viene un buonissimo finto formaggio vegan se ne aggiungi un po’ alle mandorle tritate…

  3. lauretta scrive:

    recupererò alla prossima spesa..grazie!

  4. Elena scrive:

    Che favola!

  5. stelladisale scrive:

    elena, è buonissima, la foto è fatta un po’ al volo…

  6. Lo scrive:

    meno male che l’hai messa perchè da quando ne avevi parlato mi girava per la testolina :)

  7. stelladisale scrive:

    Lo :-)

  8. marcella scrive:

    Ottima ricetta! Sai che c’è stato un periodo in cui a casa mia andava tanto la pasta con le zucchine?
    Poi più niente! Mi sa che devo ripristinare l’abitudine!

  9. xcesca scrive:

    Buonaa! Non ho mai provato a fare la salsina con la farina di ceci.. me ne ricorderò sicuramente.. potrebbe mangiarla pure io moroso.. :)

  10. letissia scrive:

    Ottima! Da annotare subito :)

  11. stelladisale scrive:

    Marcella, d’estate è un classico…
    xcesca, potrebbe si :-)
    grazie letissia :-)

  12. Barbara scrive:

    Buona la finta carbonara! Ho imparato a sostituire l’uovo con la farina di ceci (e fare appunto una farifrittata), proprio con Salutiamoci :D È facilissimo, e il risultato è molto saporito.

    Sono d’accordo che tutti dovrebbero imparare a fare qualcosa pensando agli altri: vegetariani, vegan, celiaci, intolleranti al lattosio. Poi sennò la si finisce come un mio amico, che quando invita per cena l’amico vegan, gli rifila sempre il solito panino con la melanzana. Che tristezza. Come se poi cucinare le verdure in maniera estrosa fosse una roba strana! Mah :/

    Un abbraccio, buona serata :)

  13. Barbara scrive:

    P.S. il mio fidanzato è appena passato davanti al pc, ha visto la foto della tua finta carbonara di zucchine, mi ha chiesto cos’era, e poi ha detto: “Sembra troppo buona!” :D

  14. stelladisale scrive:

    barbara, e io che pensavo di aver fatto una foto orrenda! si vede che si vede che è vera :-)

    ma poi pensa che succede anche nei ristoranti a volte che ai vegan non sanno cosa dargli, per non parlare degli allergici, mah, sarà che io mi diverto a fare le cose dove manca qualcosa… :-)

  15. LaPrinci scrive:

    Grazie Stella, da annotare anche questa ricetta, semplice, salutare come piace a me. Una curiosità, la farina di ceci quanto deve cuocere (es.in questa ricetta) perchè risulti ben digeribile? non ho molta dimestichezza con le farine…

  16. roberta cobrizo scrive:

    grazie Stella. :-)
    è vero, è sufficiente un’idea semplice per far felice un vegan o un macrobiotico! ;-)

  17. stelladisale scrive:

    LaPrinci, mah io la cuocio giusto il tempo che s’addensi un attimo, pochi minuti, e non mi sembra sia poco digeribile, la uso spesso per addensare i sughi

    bentornata roberta :-)

  18. Annamaria scrive:

    Ciao :)
    Domanda: ma la farina di ceci quando la usi per fare la salsa non dà un sapore strano alla salsa?
    Io l’ho usata solo per fare frittate di verdure o la pastella per polpette di verdure ma ad assaggiarla per esempio come frittata ha un sapote strano, bisogna aggiungerci vedure dal sapore forte o spezie per nascondere quella punta di sapore quasi acido che ha… no?

  19. stelladisale scrive:

    annamaria, quel gusto leggermente acido ce l’ha solo da cruda e comunque a me piace, poi si amalgama con il resto (verdure e spezie ci sono anche qui), comunque penso sia una questione di gusto personale e di equilibrio, qui ce n’è molta meno che in una pastella o in una finta frittata, buona giornata, prova, se non ti piace pazienza :-)

  20. Annamaria scrive:

    sì, ci sono le spezie nella tua ricetta ma lo zenzero non mi paice… e i semi di anice non saprei dove trovarli…
    Cmq proverò, quando trovo la farina di ceci. Nel negozio di prodotti biologici in cui vado da quando vivo a Dublino non ce l’hanno…
    Cmq l’idea è senz’altro carina.
    Buona giornata,

    A.

  21. Nadir scrive:

    L’idea di fare una “carbonara” con la farina di ceci, mi era passata in mente, ma non l’ho mai realizzata, adesso però m’hai fatto venire voglia di provarci. Grazie :)

  22. stelladisale scrive:

    Grazie a te, Nadir

  23. xcesca scrive:

    Provata!! Io l’ho fatta più simile alla tradizionale, con zucchine, tofu affumicato e insaporita dalla noce moscata ma che dire.. è buonissima!!! E penso che chiunque ci potrebbe cascare pensando che è fatta con l’uovo. Ha il vantaggio di non avere quell’odore di uovo crudo che a me proprio non piace :)
    Grazie mille, ricetta adottatissima!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓