Pesto di cavolo romanesco crudo e tapenade di scarti

• 3 dicembre 2012
* salse, salutiamoci18 Comments

In inverno non faccio altro che mangiare cavoli di tutti i tipi, adoro i cavoli.
Del cavolfiore e dei broccoli non butto niente, mangio le foglie, il torsolo, tutto.
Chi dice che puzza lo cuoce troppo. Van cotte pochi minuti le parti più tenere e le parti più dure per cuocerle in meno tempo basta tagliarle piccole. Aiuta molto sia il profumo che la digestione mettere dei semi di finocchio, anice e cumino nell’acqua della vaporiera. Perchè quasi sempre lo cuocio al vapore, uso la pentola per la pasta quella col cestello che è un po’ più alto rispetto al fondo, comoda anche per tenere l’acqua di cottura della pasta quando la si scola, che è perfetta per lavare i piatti se proprio non vi serve per addensare il sugo o fare una minestra.

Ma non divaghiamo.
Per il mese di dicembre di Salutiamoci dedicato a broccoli, cavolfiore, cime di rapa, ecc… ho preso un bellissimo cavolfiore romanesco, quello verde a forma di frattale.
Con le cimette ho fatto un pesto e con gli “scarti”, torsolo e foglie, ho fatto la tapenade.

 
 

TAPENADE DI SCARTI DI CAVOLO

1 scodella di quelle tonde di olive nere che ho denocciolato io
gli scarti di un cavolo romanesco (fogle e torsolo) cotti al vapore 5 minuti
4 acciughe sott’olio non troppo scolate
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
1 pizzico di sale rosa
(o altro sale fino integrale)
una spolverata di origano secco

* tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici

Ho tritato tutto e voilà. Abbastanza grossolano. Ci avrei messo anche dei capperi se non mi fossi dimenticata di comprarli.

 
 

PESTO DI CAVOLO ROMANESCO CRUDO E MANDORLE

1 scodella tonda di cimette di cavolfiore romanesco
1 manciata di mandorle
con la pellicina
1 cucchiaio di lievito alimentare in fiocchi
1 spicchio d’aglio
grattato col fattapposta di ceramica
1 presa di sale rosa (o altro sale fino integrale)
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
abbondante pressemolo tritato
(preso dal freezer ma se l’avete fresco è meglio)
latte di riso q.b.

* tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici

Se preferite potete cuocere al vapore le cimette per 2/3 minuti. Giusto per renderle leggermente più digeribili. Io le ho lasciate crude.
Ho tritato con tutti gli altri ingredienti tranne il latte, ho aggiunto poi a poco a poco il latte di riso montando col frullatore a immersione.

La si può usare come salsina sul pane, sulle verdure, sui cereali o sulla pasta legandola maggiormente con l’acqua si cottura piena di amido e con una spolverata finale di mandorle tritate fini e lievito in fiocchi.

C’è anche il PDF!

Queste 2 ricette partecipano a SALUTIAMOCI di dicembre, ospitato da L’orto di Michelle, protagonisti CAVOLFIORE, BROCCOLO, CAVOLO ROMANESCO, CIME DI RAPA.

_____________________________________________________

Ingredienti principali: , ,

18 Responses to Pesto di cavolo romanesco crudo e tapenade di scarti

  1. laura scrive:

    Anch’io vado matta per tutti i tipi di cavolo, sono così versatili. Mi stupisco sempre quando qualcuno mi dice che non li mangia: che vita triste!
    Potrei imbrogliare qualche amico con il tuo pesto e farlo ricredere sui cavoli!
    Sono proprio curiosa di sapere se i semi di finocchio, etc. funzionano contro l’”odore caratteristico” del cavolo, proverò…

  2. marcella scrive:

    Cavolo!!!
    Che bella idea! Peccato che da me quel cavolo si trovi pochissimo, e ancor più pochissimo lo trovo biologico :-(

  3. stelladisale scrive:

    laura beh si certo che funziona, ma se lo cuoci pochi minuti non puzza comunque…

    marcella, ma piacenza che città particolare che è! comunque va bene qualunque cavolfiore o broccolo :-)

  4. Kat scrive:

    Ciomp! Anche qui cavoli anche a merenda ;-) Se blogger si sblocca, è in arrivo un abbinamento molto diverso tra broccoli e mandorle. Ciao.

  5. Sara scrive:

    Sono due anni che faccio un pesto buonissimo di broccoletti e menneno io buto via niente :)
    Stamattina ho trovato il fiolaro che bbonooooo!

  6. stelladisale scrive:

    kat, ti aspettiamo :-)

    saretta, eh lo so che non butti niente, ma dai pure tu, io senza bioexpress non saprei dove cercarlo ma non importa, lo vedi che vivere a milano ha i suoi vantaggi? ;-)

  7. roberta scrive:

    il mio verduraio mi regala sempre un cavolo in piu perchè non mi faccio togliere il torsolo come il 99% degli altri clienti…

  8. stelladisale scrive:

    roberta, sono matti…

  9. brii scrive:

    uhuuuu
    Ecco e poi dicono che non sanno cosa fare con i cavoli!!
    Che vengano un po’ qui a vedere!!
    Provo, provo provo!
    Baciusss
    ps. con sta mania di buttare sempre tutto…se proprio proprio…che facciano il compost o no? :-)

  10. stelladisale scrive:

    ce l’ho, il compost! sul terrazzo :-) ma come si fa a buttare il torsolo del broccolo! o le foglie delle cime di rapa, o le foglie del sedano! poi coi libri di lisa casali che ha delle idee così belle uno non butterebbe più niente, ho messo in freezer pure lo scarto della spremuta…

  11. roberta scrive:

    e non sai le lotte per non far tagliare via le foglie delle rape, le barbe del finocchio, i ciuffi delle carote: alcuni verdurai neanche lo sanno che le foglie delle rape sono buonissime … ;)

  12. stelladisale scrive:

    sono matti, io vorrei piantare le carote solo per usare le foglie che nei negozi non ci sono mai… e pure le rape rosse che le foglie son buone come gli spinaci

  13. letissia scrive:

    Che bel post Stella! Un concentrato di suggerimenti utilissimi! Anch’io non butto via niente e penso che la tua tapenade sia una poesia :) Grazie!

  14. stelladisale scrive:

    Grazie Letissia :-)

  15. brii scrive:

    eccomiiiiii!!
    beh, che figata il tapenade!!! (si può dire? :-D )
    Fattooooooo, mangiatoooo, regalatoooo!!
    :-)
    Buonissimo Stella!!
    http://www.flickr.com/photos/briggishome/8246750643/in/photostream
    Grazie della bella idea!!
    baciussss
    ps. ho messo i capperi ;-D

  16. stelladisale scrive:

    brii, certo che si può dire! :-)
    grazie :-)

  17. Lo scrive:

    che bello Stella..finalmente ho tempo di guardarmi e gustarmi le ricette di Salutiamoci e trovare queste tue proposte mi piace tanto…è un periodo che mi piace mangiare creme e salse :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓