Gnocchi di ricotta ghee pinoli e limone

• 25 febbraio 2013
* patate, ricette home15 Comments

gnocchi_ricotta_ghee_limone

Era tanto che volevo provare a fare gli gnocchi di ricotta.
Li faccio sempre di patate, anzi non li faccio quasi mai ma per me gli gnocchi per eccellenza sono quelli fatti con sole patate e farina.
Ci vuole meno tempo che a fare quelli di patate considerando che non ci sono le patate da cuocere. E sono buonissimi.
Visto che ero in vena di latticini in questi giorni (sarà la neve, il freddo, le elezioni o chissà cosa) per condirli ho usato il burro chiarificato che ho fatto qualche giorno fa.
Il burro chiarificato, o ghee, o ghii, è questo.
Ho preso un panetto di burro biodinamico della baviera e l’ho messo in forno a 150 gradi per un’ora, poi si filtra ed è fatto. Dura mesi e non va messo in frigo.
Anzichè grattugiarci sopra altro formaggio ho preferito della buccia di limone, per sgrassare un po’ anche perchè io non amo il burro e non sono abituata ad usarlo, lo trovo pesante, anche se chiarificato è molto più buono e l’ho usato a crudo.

Per gli gnocchi:
una ricotta di capra (300 gr)
farina tipo 0 q.b.
1 uovo
• una presa di sale
• una spolverata di curry

Per condire:
pinoli
ghee
buccia di limone

(Tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici)

Ho schiacciato con la forchetta la ricotta, ho aggiunto l’uovo, il sale e il curry e ho aggiunto a poco a poco la farina impastando fino ad arrivare alla consistenza morbida ma malleabile con le mani tipica degli gnocchi.
Ho fatto i rotolini, tagliato, passato sulla forchetta facendo il buco in mezzo (cuociono meglio) e messo in freezer.

Mentre l’acqua bolliva ho tostato in padella i pinoli, lasciato raffreddare, aggiunto un cucchiaio di ghee scarso, sciolto a fuoco spento con poca acqua di cottura degli gnocchi che nel frattempo avevo tolto dal freezer e buttato nell’acqua salata.
Cuociono in un attimo, si scolano appena vengono a galla. Li ho aggiunti in padella col condimento, ho amalgamato bene per un minuto a fuoco basso solo per non farli raffreddare e aggiunto la buccia di limone.
Tutto qui.

Con queste dosi ne vengono due porzioni.

C’è anche il PDF!

_____________________________________________________

Ingredienti principali: , ,

15 Responses to Gnocchi di ricotta ghee pinoli e limone

  1. simoff47 scrive:

    Devono essere squisiti…semplici e profumati… grazie
    p.s. come lo filtri il burro? :-)

  2. simoff47 scrive:

    ho trovato tutto qui nel blog stotto la voce GHEE … :-) grazie

  3. stelladisale scrive:

    grazie a te simonetta :-)

  4. Su scrive:

    Gnam gnam… buoni gli gnocchi di ricotta di capra!
    Complimenti per la nuova veste del sito, movimentata e allegra!
    Ti ringrazio per aver spiegato cosa sia un “responsive w. d.”, sei stata tanto gentile, fa niente se non ho capito lo stesso? Eh, inutile che dica che non ho lo smartphone… torno nei miei boschi che son più a mio agio…
    un caro saluto
    Su

  5. Arianna scrive:

    Stella, GRAZIE! In questi giorni stavo giusto cercando una ricetta per fare gli gnocchi di ricotta, e per capire come sia possibile fare ghee in casa :)
    Posso farti un paio di domande? Ossia: dove prendi il burro di centrifuga? Il ghee si conserva anche nei mesi caldi, o meglio metterlo in frigo?

  6. arabafelice scrive:

    E’ una ricetta splendida, sono contenta di poter usare il ghee al di fuori dei soliti dolci o per la carne!

  7. Sara scrive:

    Da quanto non li faccio!Mi hai dato una bellissima idea :)

  8. Chiarina-ina scrive:

    Io adoro gli gnocchi di ricotta, nel mio caso finiscono sempre conditi con burro e bottarga…questa tua versione è davvero intrigante :)
    Grazie!

  9. letissia scrive:

    Che belli! E saranno di un buono… grazie per tutti i suggerimenti utili come sempre! :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓