Non è un ritorno

• 18 dicembre 2013
- pensieri vari, ricette home48 Comments

buonefeste2013

Non è un ritorno. E’ solo un saluto :-)
Vi faccio gli auguri di buone feste e vi racconto dove sono finita in questi sei mesi.
Qualcuno si è preoccupato, allarmato dalla parola tristezza ma vi tranquillizzo, i miei pensieri sono sempre troppo complicati per arrendersi a qualcosa di negativo.
Ho vissuto abbastanza per sapere che la vita ci da sempre l’opportunità di stupirci.
Insomma è saltato fuori che avevo un tumore e giuro che una parte di me quando ha visto quella macchia nera nell’ecografia ha riso. Ha pensato a tutti i mesi passati a parlare, scrivere e leggere di salute, di prevenzione tramite l’alimentazione e ha riso.
Sono subito stata convinta che fosse maligno, ma mi sbagliavo perchè era benigno.
Non ho pensato neppure per un istante che non fosse possibile che venisse un tumore a me, o che non fosse giusto, solo perchè negli ultimi anni ho cercato di mangiare in modo sano. Anzi ho subito pensato che ci fosse un senso, che avevo fatto pensieri così negativi nei primi mesi dell’anno e che ero finita in una spirale così forte di mancanza di senso che il mio corpo mi aveva ascoltato e mi stava rispondendo.
E’ stato eliminato in modo naturale come è sempre stato il mio modo di curarmi in questi ultimi vent’anni, con un mix di erboristeria e macrobiotica (col cibo, in pratica, anzi direi soprattutto con l’assenza, di cibo).
Non intendo parlarne oltre perchè questa scelta è andata bene per me, è la scelta che ho sempre saputo avrei eventualmente fatto, ma NON È ASSOLUTAMENTE MIA INTENZIONE NÈ PUBBLICIZZARLA NÈ CONSIGLIARLA A NESSUNO.
Che ognuno pensi per se e scelga la sua via, eventualmente.
Ho avuto modo di pensare molto, isolata in casa per 40 giorni di piena estate, col corpo impegnato in un’unica cosa importante (l’eliminazione del tumore) e quasi incapace di fare altro, senza poter parlare con nessuno perchè mancava la forza mentale di spiegare quello che stavo facendo che ancora non avevo capito molto bene neppure io. Continuavo a pensare al mio gatto di quando ero piccola che un giorno è tornato con una zampa rotta, s’è nascosto nell’armadio a muro, è stato lì dentro senza mangiare per non so quanti giorni e alla fine è uscito con la zampa aggiustata.
Mi sono sentita forte e sola, due cose inseparabili, nel mio caso.
Dubbi, paure, convinzioni forti e distacco, tutto mischiato insieme in una mente poco lucida.
Quando ho capito che aveva funzionato mi sono sentita potente ed egoista. Rigenerata.
Ho capito che non sono fatta per la condivisione, che non mi interessa spiegare le cose alle persone. Forse addirittura mi interessa poco capirle. E’ tutto troppo complicato, irrazionale e relativo.
POTREMMO CHIAMARLA ANCHE MAGIA. E RILASSARCI.
Mangio in modo semplice perchè mai come ora sento che il cibo è fondamentale, felice di non dover fare foto. Ho unito tanti puntini in questi sei mesi, ho capito cose che avevo solo intuito, ho ripreso a pormi domande e a rimettere in gioco le risposte e non mi sento arrivata da nessuna parte comunque, sia chiaro, ma adesso so cose di cui prima solo parlavo, so con quel sapere che non è fatto di parole ma è vivo e forse incomunicabile.
Quindi non torno.
VI AUGURO BUONE FESTE E UN 2014 MERAVIGLIOSO.
Di quella meraviglia che semplicemente ci stupisce.

Rispose Siddharta: “Ho avuto pensieri, sì, e principi, e come! Tante volte ho sentito in me il sapere. Molti pensieri furono quelli, ma mi sarebbe difficile fartene parte. Vedi Govinda, questo è uno dei miei pensieri: la saggezza non è comunicabile. La saggezza che un dotto tenta di comunicare ad altri, ha sempre un suono di pazzia”. “Vuoi scherzare?” chiese Govinda. “Non scherzo. Dico quel che ho trovato. La scienza si può comunicare, la saggezza no. Si può trovarla, si può viverla, si possono fare miracoli con essa, ma dirla e insegnarla non si può. Ho trovato un pensiero, Govinda, che tu riterrai di nuovo uno scherzo o una sciocchezza, ma che è il migliore di tutti i miei pensieri ed è questo: d’ogni verità anche il contrario è vero! In altri termini: una verità si lascia enunciare e tradurre in parole soltanto quando è unilaterale. E unilaterale è tutto ciò che può essere concepito in pensieri ed espresso in parole, tutto dimezzato, tutto privo di totalità, di sfericità, di unità.”

H. Hesse – Siddharta

48 Responses to Non è un ritorno

  1. Cristina scrive:

    Ciao piccina,
    mi hai accompagnato per qualche periodo nel mio viaggio attraverso il mondo dei bloggers, e sei stata anche fonte di ispirazione e ammirazione soprattutto per le foto. Non ero a conoscenza di quanto accaduto ma … ogni cosa è giusta così com’è … un forte saluto e un abbraccione :)
    Ciao

  2. jacopo scrive:

    Sei già tornata “così”, ed a me basta quello.
    Purtroppo anche io è molto che non giro più per blog, tanto che ho postato una scemenza dopo 6 mesi, e non mi ero sinceramente accorto del fatto che non postassi più, anche se su Facebook avevi accennato a qualcosa del genere, mesi fa.
    Mi fa piacere, leggendo le tue parole, vedere che ora stai bene e che, passato questo temporale, la tua “terra” ha fatto tesoro della pioggia ed è tornata a fiorire.
    Che non sia un ritorno ma l’inizio di una “nuova” vita, più consapevole, più forte, più cosciente di te stessa e che le scelte che da anni hai fatto si sono rivelate vincenti.
    Auguro anche a te un 2014 (e tutti i tanti anni successivi) di serenità e meraviglia (che ci sono sempre cose da scoprire e di cui meravigliarci).
    E …non sia mai che riesca a fare una capatina a Bergamo… :-D
    Ciaoooo

  3. jacopo scrive:

    Dimenticavo: capisco perfettamente questo tuo sentirti “forte e sola” lo capisco perfettamente. Ognuno, malgrado tutto, è SOLO nella vita: l’avventura, il viaggio, le emozioni sono sempre e solo le NOSTRE. E anche cercando la partecipazione, la condivisione, siamo sempre SOLI, NOI STESSI! E non si arriva mai da nessuna parte perché la vita è un cerchio: non c’è mai un punto di arrivo, oppure ogni punto del cerchio è sia uno arrivo che una nuova partenza. Buona avventura !!!!!

    P.s.: ma si: chi se ne frega delle foto !!! ;-)

  4. Semplicemente grazie per queste parole.

    Tantissimi auguri di Buone Feste e di un meraviglioso 2014 anche a te!

  5. Patrizia scrive:

    Grazie per aver “condiviso” l’essenziale.

    Buona vita.

  6. lauretta scrive:

    che il tuo viaggio prosegua come sta bene a te!
    In fondo comunque siamo sempre soli. Anche se avere intorno tante persone ci fa illudere che non sia così.
    Ti mando un abbraccio, il più grande, tu che mi hai insegnato tanto su cosa significhi nutrire il corpo e l’anima.
    con affetto
    Lauretta

  7. sara b scrive:

    Ora stai bene ed hai capito il tuo percorso: questo è l’importante. Hai ascoltato te stessa e vinto la tua battaglia. Grazie per averlo condiviso. Ti auguro tutta la serenità possibile :-)

  8. Pippi scrive:

    Ciao Stella grazie per essere tornata anche solo per un saluto e per aver condiviso con noi un’esperienza così difficile ma che hai vinto grazie soprattutto alla tua forza di volontà. Ti abbraccio e ti auguro un sereno anno perchè è soprattutto di serenità quello di cui abbiamo tutti bisogno. un bacio
    Pippi

  9. Sara scrive:

    E la vita ci fa capire le stesse cose in modi diversi, in base a come siamo.Ho recentemente sperimentato anch’io che il fale tabula rsa, deserto e silenzio rinnova nel profondo e dona una visibilità delle cose, invisibile agli occhi.
    Io per il 2014 spero di vederti, magari x sorpresa riusciamo anche prima di chiuedere l’anno!
    Ti abbraccio Stella, grazie di cuore ed auguri!
    Sara

  10. viviana scrive:

    Io ho le lacrime agli occhi. una parte di te, parla con una parte di me, e sento che si crea un intreccio fatto di totale condivisione di idee… sei forte, saggia, chiara! sei stata una matta, come in tanti avrann opensato, ma la pazzia e la magia vanno spesso insieme ed anche la solitudine a volte le accompagna. la cosa che mi commuove è il tuo successo, il sapere che si può fare, e averne le prove, perchè anche io, come te, vivo la mia vita con questo sentmento dentro il cuore.
    ti voglio bene Stella. sei una grande! ti abbraccio

    • stelladisale scrive:

      vivi, grazie, per tutto, per il regalo di mesi fa, per esserci e perchè so che capisci davvero, mi hai insegnato tu che la vita è una magia! dobbiamo essere forti, folli e felici, nient’altro.
      un abbraccione :-)

  11. Azabel scrive:

    Tanti auguri Stella! Caspita, per questo non ti ho più vista nemmeno su fb… ti abbraccio di un abbraccio grandissimo, che io a dir cose non sono mica capace :) )

  12. Fedra scrive:

    Cara Stella, ho sempre pensato che dietro il tuo rigoroso silenzio si celasse anche un periodo di difficile prova. Sei grande – e sai che non lo dico per adularti – sei come una gemma preziosa. Rara. Ti abbraccio forte e ti auguro un 2014 radioso

  13. tiziana scrive:

    Ed auguri anche a te. Buon tutto, ma proprio tutto!!! Un saluto affettuoso da Tiziana

  14. michela scrive:

    Ciao Stella mi sei tanto mancata. Grazie per aver condiviso anche questa esperienza delicata della tua vita. Ora con il sorriso ti auguro ogni bene e serenità. un abbraccio grande . Michela

    • stelladisale scrive:

      mi spiace se ti son mancata, ma mi fa anche piacere, che a qualcuno io sia mancata :-) grazie (c’è la pagina facebook, dove a volte metto qualcosa)

  15. francesca scrive:

    Cara Stellina ,
    bentornata !
    Settimanalmente io e la mia famiglia consultiamo il tuo blog, chi per un idea fantasiosa ma sana, chi per ammirare le tue borse, chi per sani ‘trucchi’ alimentari..
    ..ci hai ‘insegnato’ a conoscere e valorizzare aglio ursino (di cui siamo pieni ma che non sapevamo come valorizzare) i germogli in casa ,l utilizzo della pasta madre e mille altre cose..
    Immagino che i temi di cui hai sempre (con entusiasmo, garbo e spontaneita’ ) parlato siano state ‘normali’ per te, ma per una famiglia italiana conservatrice come la mia credimi sono state una ventata di consapevolezza e aria nuova!
    ..per cui continuo a dirti GRAZIE ! ogni volta che apro il tuo blog, perchè completo, senza spocchia auto-celebrativa , ben fatto semplice e gioioso!
    ..davvero lo dico con sincerita’ , forse tu non lo credi , perchè sei al di la della tastiera, ma chi ti legge ha perfettamente capito la bella persona che sei!
    ..e anche se non è un vero ritorno è semplicemente bello sapere che la tua zampina è guarita e che sei uscita vincitrice da quell ‘ armadio! :)
    ..un grande abbraccio dal Friuli!
    Francesca&co.

    • stelladisale scrive:

      francesca, che bel commento, guarda me lo stamperei per tirarlo fuori quando ho l’impressione di aver buttato via 6 anni dietro al blog :-) mi basta un commento così e c’è tutto il senso..
      grazie

  16. francesca scrive:

    ..Lo percepivo dal post di giugno che non hai avuto i feedback del grosso ‘lavoro’ che invece hai costruito con il tuo blog, non hai sentito quanto invece è stato ed è consultato!
    ..e per chi scrive e condivide penso sia davvero frustrante, non per un bisogno appunto autocelebrativo ma semplicemente per comprendere che qualcuno sta capendo la tua visione ..
    credimi l indolenza è una brutta cosa e me ne rendo conto ..se avessi scritto un grazie o comunque un apprezzamento a quello che andavo a leggere o rifare ogni volta che ti ‘visitavo’ credo che avresti ‘sentito’ meglio che questo blog non è ‘sordo’ ma pieno di brusii ed entusiasmi !
    ..lo è stato e lo sarà! hai dato tanto e continua a fruttare!
    ancora grazie per avere seminato e condiviso! …e sempre con eleganza, belle foto e chiarezza!
    una rarita’ nel mondo dei blog di cucina, tempestati da pubblicita’ e un taglia e cuci delle solite ricette modaiole…
    un ultima cosa, forse l unico limite è che è scritto solo in italiano…secondo me se fosse stato scritto anche in inglese sarebbe volato!
    stagionalita’ , cultura della materia prima e creativita’..italian style in the best way:)

  17. letissia scrive:

    Grazie per questo bellissimo post Stella. Ti auguro ogni bene, buon Natale. Baci.

  18. Baol scrive:

    Un abbraccio e tanti auguri a te, solo questo ma so che basta :)

  19. Francesca scrive:

    Ecco, questo post l’ho letto dopo il primo commento… e forse quel chissà non è rimasto appeso nell’aria…
    Non posso sapere cosa hai provato in modo diretto, ma ho visto persone a me vicine la cui vita è precipitata un giorno all’improvviso nel buio… per qualcuno la luce per fortuna è tornata ed è lì, in quel momento, che la vita ha bussato forte, quasi un urlo, per farsi sentire… e alla fine ha vinto.
    Aggrapparsi allo stupore, lasciarsi cullare. Quando succede, non c’è sensazione più bella. E dirsi “è tutto vero”, prima in senso negativo e poi… sole.
    Non ti conosco, scusa le parole in libertà, ma mi sono sentita di lasciarti il mio “segno”.

  20. stelladisale scrive:

    grazie francesca, anche per l’altro, di commento :-) ci sarebbe tanto da dire su quel “precipitare all’improvviso nel buio” che io penso sia quasi sempre da imputare ad una medicina cinica e inutile, che per la verità non frequento, che quella vita che bussa forte quasi un urlo come dici tu, immagine bellissima, fa di tutto per soffocarla. se solo sapessimo quanto è potente il nostro organismo quando non lo tormentiamo, se solo avessimo più fiducia in noi…

  21. Claudia scrive:

    Grazie stelladisale , giungo a questo blog dopo che l’hai chiuso e dopo il tuo saluto…se ci fossi arrivata prima forse non avrei capito profondamente le tue parole. Adesso sì.
    Un abbraccio e grazie per le tue parole sincere

  22. cricri scrive:

    ho perso le parole, mi rimane solo un unico, lungo e silenzioso abbraccio.
    Persa nella mia quotidianità non mi rendo conto di quanto mondo gira tutto intorno.
    E in questo vortice le tue parole sono un astro.
    L’immagine che accompagna questo post parla da sé.
    Grazie.

  23. michela scrive:

    “ciao Stella spero che tu stia bene. ogni tanto mi capita di pensare alle evoluzioni che avresti avuto nel pensiero. nella vita e nel blog. penso che prima o poi saresti stata affascinata come è successo a me dài microrganismi effettivi. sei vai in facebook c e un gruppo dove trovi informazioni se vuoi. Mi hai iniziato ad un certo tipo di pensiero…e questa è stata la mia personale evoluzione. Un abbraccio . Michela

  24. Tamara scrive:

    Grazie, davvero, di tutto.
    Grazie per le ricette, i consigli, l’esempio, per tutti i pensieri condivisi. Soprattutto questi ultimi.
    Questo è sempre stato un posto pieno di bellezza.
    Tu sei speciale.

    Tamara

  25. Rita scrive:

    Ciao, due anni fa ho messo su un negozio di prodotti biologici, e cercando nel web le ricette che vorrei realizzare sono capitata sulla tua e la ho postata nella mia pagina. Incuriosita dal tuo messaggio “non è un ritorno” l’ho letto e mi sono rispecchiata in tante cose, mi sarebbe piaciuto postare anche quello per l’energia e il coraggio che mi ha infuso, nella speranza che lo infondesse anche ai miei lettori. Non lo farò senza che tu mi dia il permesso e vorrei postare anche tutte le altre tue ricette sane e golose. Mi chiedo spesso come incoraggiare le persone a ritrovare la forza per superare tanti momenti difficili e ho trovato nelle tue parole tutto ciò che andavo cercando.
    Ti auguro di star bene !

    • stelladisale scrive:

      ciao rita, linka pure i miei post se lo ritieni utile, ormai son quasi due anni che è fermo il blog ma mi fa sempre piacere che sia utile, grazie, buona giornata e buona primavera :-)

  26. Rita scrive:

    Grazie!
    Ti auguro una buona giornata … E buona primavera anche a te. Se dovessi capitare a Cagliari, non esitare a venire a trovarmi!!

Rispondi a stelladisale Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓