Crespelle vegane con piantaggine

Ancora piantaggine. Ve l’ho detto che ne avevo raccolta tanta.
L’impasto delle crepes l’ho preso qui, mentre la “besciamella” vegan l’ho presa qui. Più o meno.

Per le crepes:
150 gr di farina integrale bio
150 gr di farina di grano saraceno bio
250 ml acqua
250 ml latte di soia
una presa di sale
olio per cuocerle
Per la besciamella:
4 cucchiai olio di sesamo
100 gr farina di riso bio
1 pizzico di sale di cipro speziato in fiocchi
600 ml acqua

Per le crepes: mescolare tutti gli ingredienti bene senza formare grumi e poi cuocere come delle normali crepes ungendo la padellina con poco olio. A me è venuto troppo denso l’impasto e troppo spesse le crepes, la piastra di ghisa non ne ha voluto sapere di ‘ste crepes e ho dovuto usare una padella antiaderente che non va bene per le crepes, ma insomma…
Per la besciamella lo stesso: ho mescolato tutti gli ingredienti in un pentolino e poi fatto cuocere a fuoco molto basso fino a quando si è addensata. Bastano pochi minuti.
La piantaggine era stata precedentemente scottata pochi minuti.
Ho spalmato della besciamella sulle crepes, ci ho messo uno strato sottile di piantaggine, le ho piegate, ho messo sopra altra besciamella, una spolverata di mandorle tritate e di polvere d’arancia, un filo di olio e in forno fino a doratura, una mezz’oretta credo. Si possono anche scaldare solo con un filo d’olio e una spolverata di mandorle o parmigiano vegano o gomasio, senza aggiungere la salsina di riso anche sopra.

vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓