Focaccia patate e latticello con fiori d’acacia e pomodoro secco

• 28 maggio 2010
* pane, erbe spontanee11 Comments


 

L’altro giorno sul lago non volevo raccogliere niente, anche perchè l’aglio orsino l’hanno tagliato vai a sapere il perchè, neppure un sacchettino avevo, però ad un certo punto mi son venuti proprio incontro loro sul sentiero, ‘sti fiori, e non ho potuto fare a meno di raccoglierli, acacia (robinia) e sambuco, non sono bellissimi?
Mangiare i fiori è una cosa che mi fa un po’ strano, quelli di acacia poi hanno un profumo così forte che non so, uno ha come l’impressione di mangiare un profumo, comunque il problema è: e adesso cosa me ne faccio che non voglio friggere e non voglio usare lo zucchero e neppure fare una frittata?
Per il sambuco vi rimando al post dell’anno scorso. C’è un link, questo, dove si spiegano le proprietà del sambuco e si consiglia l’infuso – tisana diaforetica, c’è anche la ricetta per fare l’aceto.
Quindi la maggior parte li ho fatti seccare (in forno a 50 gradi) per fare l’infuso, e ne ho tenuto una manciata per fare l’aceto, anche se invece dell’aceto di vino che non sopporto ho usato l’aceto di mele.

I fiori di acacia-robinia invece li ho messi quasi tutti in questa focaccia. E’ venuta buonissima ma non tanto per i fiori, si quelli danno un gusto particolare molto aromatico, ma secondo me è venuta buona per le patate e il latticello e per il solito impasto molle senza impasto molto idratato e poi forse sono riuscita a stenderla senza schiacciarla ed era così buona che quasi sembrava avere il cornicione della pizza, quello che sono due anni che ho in mente ma non mi riesce. Vorrà dire che proverò a fare la pizza con patate e latticello.

150 gr di pasta madre rinfrescata un paio di giorni prima e a temperatura ambiente
100 gr di patate cotte al vapore
350 gr di farina zero bio
3 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino di sale
latticello q.b (circa 250 ml)

un paio di pomodorini secchi
una manciata di fiori di acacia
olio
fiocchi di sale

Ho impastato la pasta madre con tutti gli altri ingredienti, per il latticello la quantità può variare, deve comunque essere il tipico impasto-senza-impasto, cioè molle ma non troppo appiccicoso, e più che impastato va amalgamato bene il tutto. L’ho lasciato tutta notte a lievitare, 24 ore circa, in un armadietto.
La mattina l’ho tolto e con l’aiuto della farina ho fatto le solite 3 pieghe, è a questo punto che ho aggiunto i pomodorini secchi tagliati a pezzetti e i fiori di acacia, senza reimpastare ma solo mettendoli sopra, e poi facendo le pieghe rimangono all’interno.
Ho lasciato lievitare un’oretta coperto con uno strofinaccio, poi ho diviso in due ed ho acceso il forno a 250 gradi, ho formato delle palline (ma senza schiacciare troppo) e stesso leggermente (senza mattarello e senza schiacciare, tirando da sotto e facendo penzolare), prima di infornare ho pennellato di olio e cosparso di fiocchi di sale. A 250 gradi per 10/15 minuti.

Vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: , , ,

11 Responses to Focaccia patate e latticello con fiori d’acacia e pomodoro secco

  1. Saretta scrive:

    Beh, questa è spettacolare!I fiori ci hanno emsso in sintonia perfetta :D
    Domanda:ma il latticello lo compri o usi il siero della panna?Con quello comprato a me le cose vengono gnucche…
    Baci e grazie!

  2. stelladisale scrive:

    no è quello del naturasi, fermentato acidognolo, non l’ho più fatto il burro in casa perchè la panna bio non la trovo, questa è venuta bella morbida, anche la crosta non è dura…
    bacioni buon we :-)

  3. spighetta scrive:

    Che meraqviglia! Deve essere una focaccia particolarmente profumata ed aromatica ;)

  4. Baol scrive:

    Ma cos’è il latticello?

  5. stelladisale scrive:

    grazie spighetta :-)

    baol ;-)
    il latticello o buttermilk (molto usato nei dolci americani e nel nord europa) è una specie di latte ma più liquido, è quello che rimane quando dalla panna si fa il burro centrifugando, anche in casa, e poi viene fatto fermentare, essendo fermentato ha un sacco di proprietà benefiche come lo yogurt

  6. frida scrive:

    Sono indecisa se dirti che questa è una ricetta buonissima o bellissima! Le immagini mi hanno messo di ottimo umore e trasmetto un senso di ‘estate’ dolcissimo… (da me sta diluviando). Complimenti per l’idea!

  7. Nicoletta scrive:

    Non avrei mai pensato di unire i fiori di acacia ad una focaccia. Grazie per il suggerimento! Da provare il prossimo anno.

  8. marcella scrive:

    Non ho più parole, cara Stella!
    Hai fatto una focaccia che scrocchia, almeno dalle foto la mia impressione è quella!
    La prossima volta che vado al naturasì, provo a vedere se hanno il latticello (dubito!) e copio questa meraviglia, anche se i fiori io me li posso solo sognare!

  9. stelladisale scrive:

    frida, grazie, qui il tempo è primaverile

    nicoletta, quando non so dove mettere qualcosa…

    marcella, sembra croccante vero? invece no non è molto croccante è più tipo pizza… berchtesgadener land, è la marca

  10. marcella scrive:

    Grazie per la marca. Proverò a cercarlo!
    Buona domenica: qui c’è la nebbia!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓