Pane dolce con l’uvetta

• 16 ottobre 2011
* pane, ricette vegane13 Comments

Oggi è il World Bread Day, la Giornata Mondiale del Pane, e io stavo per schivarlo, poi m’è venuto in mente che avevo fatto questo pane prima di andare in vacanza. E’ un pane dolce con l’uvetta semplicissimo, fatto col solito sistema dell’impasto molto idratato, facile e veloce.
C’è lo zucchero. L’unico zucchero che uso cioè quello di canna grezzo, Panela. E’ molto più salutare di quello bianco perchè non è raffinato, ed è anche molto più buono.

 

250 gr di pasta madre rinfrescata la sera prima
500 gr di farina tipo 0 biologica
4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva più un paio per la superficie
mezzo cucchiaino di sale marino integrale
4 cucchiai di zucchero di canna grezzo più un po’ per la superficie
una manciata abbondante di uvetta
acqua, circa 300 ml

Ho impastato con le mani tutti gli ingredienti insieme per un minuto giusto per amalgamarli, lasciando l’impasto ben idratato, ho lasciato a lievitare 4 ore, poi ho fatto tre giri delle solite pieghe aiutandomi con la farina (è molle e appiccica) ed ho lasciato in un canovaccio infarinato ancora un paio d’ore circa, poi ho acceso il forno a 250 gradi, diviso l’impasto in due, formato due pagnotte lunghe (in questa fase va toccato il meno possibile, non schiacciato, non piegato e spostato velocemente) e messe sulla placca del forno su carta forno, ho pennellato con olio e sparso sulla superficie dello zucchero. Quando il forno è stato a temperatura ho infornato a metà altezza, dopo 15 minuti ho abbassato a 180 gradi, per altri 15 minuti circa. Quando è
cotto lo si vede dal colore, lo si sente dal profumo e facendo toc toc sul fondo suona vuoto. Rimane buono alcuni giorni se lo si tiene in un sacchetto di plastica.
Si presta a tantissime varianti, con frutta secca di tutti i tipi e semi vari.
Buon wbd a tutti.

Bake Bread for World Bread Day 2011

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: ,

13 Responses to Pane dolce con l’uvetta

  1. Alex scrive:

    Oggi siamo molte ad essere in sintonia con del pane all’uvetta: tu, Diletta, io. Bello e soffice il tuo. Come dicevo anche a Diletta: devo darmi da fare con la pasta madre!

  2. stelladisale scrive:

    menomale che me lo son ricordato ed ho fatto il post al volo, mi spiaceva non partecipare

  3. Sara scrive:

    Ciao Stellina…hai scelto uno dei pani che amo di più!
    Bacione

  4. stelladisale scrive:

    saretta, ma menomale che sei passata, è questo il modo di sparire? :-) bacione

  5. zorra scrive:

    Yumm, un fetta per me, per favore! Grazie per la tua participazione al World Bread Day 2011.

  6. stelladisale scrive:

    grazie a te zorra

  7. Sandra scrive:

    Ciao Stella!!! Ho scoperto il tuo blog grazie a Chabba che mi ha indicato le tue ricette per la pulizia…fantastiche! Ne prenderò nota!
    E ho scoperto che il 16 è stata la giornata mondiale del pane e io ieri ho sfornato un bel post sul pane alle olive e sul valore del pane! Grande!
    Complimentissimi per il tuo blog…tanto tanto interessante!!! ma come faccio a seguirlo???
    Sandra da “Il cucchiaino di Milù”

  8. viviana scrive:

    e mi sa che anche quest’anno non parteciperò! per consolarmi sbavo un bel po’ davanti a questo tuo pane…. lievito madre, farina bio, zucchero buono, quasi quasi potrebbe pure farci un baffo alle mie intolleranze!!! un baciooooo

  9. stelladisale scrive:

    ciao sandra, grazie, come fai a seguirlo in che senso? se intendi i feed sono in alto a destra

    vivi, ciao! :-) ma perchè è scattata la moderazione? si forse si, forse è anche un po’ ant-intolleranze, baci

  10. marcella scrive:

    Buono il pane con l’uvetta!
    E’ stato per anni la mia merenda!
    Ho in programma di farlo domani, ma con la ricetta delle simili, visto che io, con il lievito madre… non vado d’accordo!
    Pensa che mi è morto anche quello liquido: che madre snaturata che sono!

  11. stelladisale scrive:

    ma dai marcella che peccato per il lievito liquido, cioè mi tradisci per le simili? non ci posso credere :-)

  12. simoff scrive:

    in ritardo …ma eccomi qui pronta ad imparare qualche altra cosa… oggi ho fatto il pane con le farine che mi ero portata dalla val d’ultima, segale e integrale… ma ne era rimasta poco ed ho aggiunto manitoba e farina di riso…sono andata a occhio con la doppia ,anzi quasi tripla lievitazione ( però, con lievito..non pasta madre…sic…dovrò ripassare i post precedenti ..prima o poi ci devo riuscire a farla!!!) E’ venuto buono e ben alveolato :-) )) Proverò questo con le uvette…deve essere super! baci

  13. stelladisale scrive:

    simo, se la vuoi la pasta madre te la mando eh…
    baci :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓