Gnocchetti di patate e castagne con sugo di porcini

• 24 ottobre 2012
* patate, ricette vegane, salutiamoci14 Comments
 

 

Gli gnocchi di patate sono quella cosa che si fa in un attimo ma fa un figurone. Questi non hanno niente a che vedere con quelli classici perchè sono piccolini e non rigati, qualcuno le chiama chicche, poi hanno la farina di castagne, l’olio e le spezie. Gli gnocchi sono vegan per tradizione. L’uovo non serve, a casa mia non si è mai messo e non ho mai saputo che ci si siano disfatti in cottura. Poi col condimento smettono di essere vegan perchè dalle mie parti si usa farli con burro fuso e salvia, ma quello è un altro discorso.
Io avevo i funghi porcini freschi, regalati dalla mia amica Carla. Se non me li avesse regalati lei non credo li avrei comprati e non solo per il prezzo.
I porcini sono buonissimi, hanno un sapore che nessun altro fungo più facilmente reperibile, magari coltivato, ha. Su questo credo che concordiamo tutti.
Bisogna però stare attentissimi alla provenienza, anche di quelli secchi, più che per altri prodotti, perchè il fungo assorbe tutte le sostanze contenute nel terreno, anche quelle tossiche. Piuttosto che funghi di dubbia provenienza meglio optare per quelli coltivati, che a me per esempio piacciono, anche se sono diversissimi come sapore. I pleurotus soprattutto, ma anche gli champignon. Ci sono anche bio.
I porcini non hanno grandi qualità nutritive. Ne hanno di più i pleurotus, e soprattutto gli shiitake, che io chiamo “magici” tante sono le qualità che hanno, ma si trovano soprattutto secchi. Ne esistono anche di europei, e anche in salamoia. Andrebbero usati quotidianamenti in piccole quantità, aggiunti alle minestre, ai sughi.
I due link portano ad un sito che vende pillole di funghi, li ho scelti come link solo perchè elencano esaurientemente le proprietà, non è assolutamente un invito ad acquistare funghi in pillole, anche se immagino si tratti di funghi secchi polverizzati e pressati. Le proprietà nutritive di cui abbiamo bisogno andrebbero sempre prese dal cibo. Proprio fresco di ‘stamattina è questo articolo di Arianna, esauriente come sempre.
Ma torniamo alla ricetta.

230 gr di patate cotte e schiacciate (al vapore con rosmarino e salvia tritati)
80 gr di castagne bollite e tritate
2 cucchiai di olio e.v.o.
1 presa di sale rosa
1 presa di spezie miste (pepe lungo, pepe rosa, chiudi di garofano, cannella, vaniglia)
100 gr di farina di ceci
farina tipo 0 q.b.

olio e.v.o.
aglio
peperoncino
zenzero
funghi porcini freschi
sale rosa
farina di castagne
lievito alimentare in scaglie
prezzemolo tritato

(tutti gli ingredienti tranne castagne e funghi sono biologici)

Ho unito patate, castagne, olio, sale, spezie e farina di ceci.
Poi sulla spianatoria ho aggiunto farina 0 e impastato fino alla consistenza giusta non appiccicosa.
Ho fatto i rotolini e tagliato a pezzettini di un paio di centimetri al massimo.
Li ho cotti in acqua bollente salata e mentre bolliva l’acqua ho preparato i funghi.
Ho messo nella pentola di ghisa olio, aglio, zenzero e peperoncino, ho scaldato e aggiunto i funghi, salato, fatto cuocere a fuoco alto mescolando per non far attaccare e quando son stati cotti al dente, ho aggiunto un mestolo di acqua di cottura degli gnocchi e una spolverata di farina di castagne, mescolato bene, aggiunto anche i gnocchetti, spadellato un minuto e cosparso di prezzemolo tritato che avevo in freezer e lievito alimentare in scaglie, mescolato bene e mangiato.

 
 

Questa ricetta partecipa a SALUTIAMOCI di ottobre, ospitato da Azabel, protagoniste le castagne.

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: , , ,

14 Responses to Gnocchetti di patate e castagne con sugo di porcini

  1. Elena scrive:

    Che bella l’idea degli gnocchi con le castagne dentro…
    non ti sto più dietro……vorrei riprodurre tutte le tue ultime ricette!!!

  2. Azabel scrive:

    Mamma mia, che produzione castagnosa… a me piacciono soprattutto questi, ormai sai che ho un debole per i primi ^_^

  3. Sara scrive:

    Va’ che bella idea…se gli shiitake costassero emno me li papperei tutti i gg ma, rischio di fare il mutuo!!!:)

  4. stelladisale scrive:

    alice, avrei ancora la focaccia, poi basta

    saretta, si? ma no dai ne bastano pochi, per mangiarne di più meglio i pleurotus che si trovano anche freschi

  5. Twostella scrive:

    Che bellezza questi gnocchetti! Sento il profumino dei funghi:-)
    Anche io ho ricevuto in regalo qualche porcino e mi sono divertita a sperimentare!

  6. brii scrive:

    Ho scoperto da poco(grazie a te) che non serve sempre l’uovo.
    Torte, gnocchi e creme vengono benissimo anche senza.
    ;-)
    Questi devo provarli!
    baciusss

  7. stelladisale scrive:

    elena, scusa, pensavo di averti risposto, grazie

    twostella, annamaria, grazie

    brii, se solo la gente provasse se ne accorgerebbe, solo che non ci crede :-) baciuss

  8. lauretta scrive:

    che bontà stella!! anche a casa mia gli gnocchi sempre senza uovo ;)

  9. stelladisale scrive:

    lauretta, si si, senza :-) grazie

  10. Lo scrive:

    anche da me fatti sempre senza uova, questi me li immagino così autunnali e avvolgenti nel sapore :)

  11. stelladisale scrive:

    Lo, si, molto autunnali e coccolosi :-)

  12. marcella scrive:

    Tu, secondo me, sei nata sotto un castagno! XD
    Sei troppo brava ad usare le castagne come ingrediente, e soprattutto ad inventare i piatti. questa ricetta la faccio il primo di novembre a pranzo.
    Io una volta ho fatto gli gnocchi di patate con la farina di castagne (bio delle colline qua intorno): non ti dico la bontà!
    P.S. anch’io sempre fatto gli gnocchi SENZA uova: secondo me sono più buoni e più digeribili!

  13. stelladisale scrive:

    marcella, sono un fungo :-)
    buoni con la farina di castagne! senza, si, assolutamente senza…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓