Tagliatelle grano saraceno e farro con radicchio rosso

• 13 settembre 2010
* pasta15 Comments
 

Queste tagliatelle sono in pratica dei pizzoccheri, il sapore è quello, col grano saraceno predominante.
Per condirle ho pensato di richiamare la classica ricetta dei pizzoccheri, cioè ho usato il burro (ma chiarificato), la salvia, alla fine ci ho messo anche il parmigiano. Insomma non è una cosa né vegana né macrobiotica ma un po’ autunnale. Comunque molto più leggera dei classici pizzoccheri.
Il burro ovviamente l’ho chiarificato io e per chi se lo fosse perso si fa così: si prendono due panetti di burro (già che si fa se ne fa parecchio che tanto dura tantissimo, mesi, un anno, probabilmente anche di più), si mettono in una teglia da forno e si lascia in forno a 150 gradi per 1 ora e mezza, poi si filtra (va eliminata la crosticina marroncina che si forma e i residui bianchi che si formano, deve essere limpido). Si mette in un barattolo di vetro e si tiene anche fuori dal frigo senza problemi per mesi e mesi, raffreddando indurisce.

Tagliatelle:
150 gr farina di farro bio
150 gr farina di grano saraceno bio
2 uova
2 cucchiai di olio e.v.o.
un pizzico di sale

Ho impastato e tenuto da parte per un’oretta (in un sacchettino da freezer a temperatura ambiente).
Ci vogliono pochi minuti.
Poi ho steso con la macchina e tagliato delle normali tagliatelle piuttosto spesse, con queste dosi ne vengono 4/5 porzioni abbondanti.
Ci vogliono 10 minuti non di più.
Le faccio sempre almeno il giorno prima e le metto subito in freezer su un piatto da pizza coperto con carta forno. Poi quando servono si buttano direttamente nell’acqua di cottura della pasta, ovviamente salata.

Sugo di radicchio:
Ho sciolto del burro chiarificato in padella con della salvia tritata e uno spicchio d’aglio vestito, ho aggiunto una macinata di pepe, il radicchio rosso (era quello lungo) tagliato a striscioline, lasciato appassire, aggiunto un mestolo di acqua di cottura della pasta e cotto per una decina di minuti (fin quando la costa bianca non è cotta, croccante ma cotta).
Quando le tagliatelle sono cotte al dente si aggiungono in padella col parmigiano grattugiato ed è tutto.

Vuoi stampare o salvare la ricetta? (.pdf)

Ingredienti principali: , ,

15 Responses to Tagliatelle grano saraceno e farro con radicchio rosso

  1. saretta scrive:

    Stellina è un primo FAVOLOSO!!!!!Mi piace i mix saraceno-farro, ed anche questo goloso condimento!
    Un bacione Grande

  2. marcella scrive:

    Il grano saraceno ce l’ho (bio di montagna!), è la voglia che mi manca!
    Però questo piatto mi ispira, perchè ho anche il burro chiarificato, e confermo che dura più di un anno; il mio l’ho fatto a febbraio 2009 ed è ancora buono e profumato.
    Meravigliosa anche la torta salata del post precedente: io adoro i piatti di quel genere!
    Brava Stella!

  3. ciciuzza scrive:

    ciao Stella! veramente invitanti! mi immagino la pasta ruvida e consistente. da provare!
    Volevo anche dirti che ho fatto la tua marmellata di more senza zucchero e con agar agar. FAVOLOSA! unica cosa devo regolarmi bene con l’agar agar la prossima volta.
    penso che ne farò un bel dolce che spero di postare presto!
    un abbraccio!

  4. Sorriso scrive:

    mi sa che sono gustosissime queste tagliatelle. Ahimé l’autunno si avvicina sempre più e quindi vanno a nozze con le attuali giornate.
    Il burro chiarificato l’ho di recente postato anche io, è assai più buono di quello normale.
    A presto, Sorrisi…

  5. stelladisale scrive:

    saretta, grazie, era buonissima sta pasta e il ghee ci sta proprio bene, bacioni

    grazie marcella, dai ci vogliono 10 minuti per fare le tagliatelle… si il burro si mantiene tantissimo, io lo uso solo ogni tanto

    ciciuzza, mi fa davvero piacere che tu abbia provato la mia marmellata dell’anno scorso, era buonissima, ne avevo ancora un vasetto che ho mangiato da poco e si era conservata benissimo…

    sorriso, eh purtroppo si avvicina :-) più buono e più salutare, a presto

  6. Daphne scrive:

    Stella stellina, non mi sono dimenticata di te .oO(ettù dirai..chi se ne impotta? :D )
    …continuo a rinnovare la pasta madre e nel frattempo do un costante sguardo alle tue prelibate ricettine.
    Mangio poco e niente la pasta, più per pigrizia che per altro..ma questo piatto lo divorerei in un boccone O_o
    Buono il grano saraceno ^_^

  7. stelladisale scrive:

    daphne, ciao, ma figurati se non m’importa, lo so che non ti dimentichi, come potresti con la mia pasta madre nel frigo :-) bacioni

  8. Daphne scrive:

    Ciao Stella! una domanda a te che sei espertissima ^_^ Posso ottenere il latticello dallo yogurt? Altrimenti come posso recuperare secondo te, dello yogurt scaduto da un giorno appena senza effetti collaterali? :)
    Grazie!!!!!

  9. sogno93 scrive:

    ..un piatto per me!!!!

  10. stelladisale scrive:

    daphne, io lo mangerei, per uno giorno cosa vuoi che cambi, la data di scadenza è solo indicativa e lo yogurt mica va a male subito… solo più è vecchio e meno sono vivi i fermenti,
    per fare il latticello (quello fermentato, non quello solo di centrifuga) si usa lo stesso procedimento dello yogurt solo col latticello, è spiegato qui: http://mammaiana.blogspot.com/2010/03/i-segreti-del-latticello.html
    per cui magari si può provare anche con lo yogurt ma bisogna studiare le dosi e comunque sarebbe meglio usare dello yogurt fresco coi fermenti belli arzilli per fare ste cose…

  11. Daphne scrive:

    Grazie! chiarissima come sempre ^_^
    Magari lo utilizzerò per farci una tortina :)
    Bacini

  12. terry scrive:

    I pizzoccheri provati ma mai rifatto in casa la pasta con il saraceno! mi paice la rusticità che dai ai piatti…ottimo sto sughetto al radicchio… ortaggio che mi preannuncia l’autunno alle porte! :)
    non vedo l’ora arrivi il tardivo! :)

  13. Baol scrive:

    Ma sembran proprio bone!!!

    (per dire che lo sono devo assaggiare :P )

  14. stelladisale scrive:

    terry, grazie :-) uh che buono quello tardivo…

    baol, ti devi fidare sei troppo lontano :-)

  15. giady scrive:

    favolose le devo fare mi avanza proprio un pacco di farina di grano saraceno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓