Il Santa Lucia e il pan di spezie all’arancia

• 13 dicembre 2011
* dolci, - pensieri vari7 Comments

Oggi è Santa Lucia.
La santa della luce.
E non poteva che essere oggi il giorno per ricordare che a Roma probabilmente chiude, per mancanza di fondi, un ospedale di eccellenza, il Santa Lucia. Si occupa di riabilitazione neuromotoria ed è indispensabile per tante famiglie. Cura molti bambini tra cui il bambino di Caris.
Ha fatto fin’ora veri e propri miracoli quotidiani.
Nessuna altra struttura è in grado di sostituirlo.
(Adesso sembra che la Regione Lazio abbia assicurato che i fondi per salvare la Fondazione Santa Lucia arriveranno ma finchè non c’è la certezza è meglio tenerla accesa la candela della speranza).
Caris ha lanciato l’idea del post a reti unificate, un piccolo segno di solidarietà per far capire che siamo impotenti, forse, ma non indifferenti.

 
 

La ricetta. Una ricetta semplice, natalizia, speziata, perfetta per le feste anche da regalare, il pan di spezie all’arancia senza latticini, buonissimo. Tranquilli non è di quelle cose senza/senza/senza, è molto dolce, c’è il miele, sa di arancia speziata, di feste, di natale.

 
 

250 gr farina 2
100 gr farina grano saraceno
500 gr miele di castagno
200 ml c. di succo d’arancia appena spremuto (3 arance)
2 cucchiai olio evo
1 cucchiaino abbondante di cremortartaro/bicarbonato/amido
1 cucchiaino da caffè di spezie tritate (chiodi di garofano, cannella, pepe lungo, noce moscata, cardamomo)
il succo di un pezzettino di zenzero fresco
la scorza di 3 arance
un cucchiaino di polvere d’arancia
1 pizzico di sale marino integrale

Tutti gli ingredienti che ho usato sono biologici.

E’ una variante di questa.
Sarebbe vegan se non fosse che i vegani non sempre mangiano il miele, comunque si può sempre provare a sostituire il miele con del malto.
Portare al bollore il succo d’arancia, spegnere e aggiungere il miele, mescolare bene per farlo sciogliere, aggiungere anche le spezie e lasciare raffreddare.
Setacciare la farina col lievito aggiungere tutti gli altri ingredienti e a poco a poco il succo col miele, mescolare bene e mettere in una teglia da torta o uno stampo da plumcake o anche formine da muffin. Io ho usato una teglia tonda.
Cuocere a 150 gradi per un’ora circa. Io ho sbagliato temperatura (sono abituata a metterlo a 180) e si è cotto leggermente troppo.
Si può lucidare o farcire con della marmellata d’arancia, a me piace semplice.
Dopo un paio di giorni diventa più buono, si conserva bene e a lungo in scatole di latta o vasi di vetro.

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: , ,

7 Responses to Il Santa Lucia e il pan di spezie all’arancia

  1. Elena scrive:

    Grazie per le notizie e le sollecitazioni, grazie anche per il pain d’epices ‘truccato’!

  2. simoff scrive:

    una idea che utilizzerò per il prossimo mercatino de La casa verde, la casa famiglia di Roma dove ho lavorato e dove ora continuo acollaborare come volontaria…qualche bustina, che anche se avanza…sarà presto finita dai bambini…
    Condivido il tuo post per il Santa Lucia…
    Le cose vanno sempre peggio ma bisogna essere vigili e presenti e non perdere la speranza….

  3. stelladisale scrive:

    grazie a te elena, è venuto molto più buono di quello che avevo fatto col latticello, perchè si sente molto l’arancia…

    simoff, che bello un altro mercatino, lo devi pubblicizzare! speriamo

  4. isafragola scrive:

    Grazie del post, di tenermi aggiornata e attenta. E golosa :-)

  5. stelladisale scrive:

    gra a te isa :-)

  6. elena scrive:

    Provo a correggere con malto al posto del miele? malto d’orzo più amarognolo? dammi il tuo parere….

  7. stelladisale scrive:

    prova elena, se l’amarognolo dell’orzo non ti infastidisce, se no un malto più dolce, poi fammi sapere :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓