Torta di mele castagne pinoli e uvetta, senza zucchero

• 22 ottobre 2012
* dolci, ricette vegane, salutiamoci13 Comments
 
 

E questa settimana ce n’erano di più di castagne, quindi voilà, poteva mancare la torta di mele? Mi farà ingrassare ‘sto salutiamoci!
In realtà da quando è iniziato salutiamoci dico sempre (ma scherzo, eh?): mi farà am-ma-la-re ‘sto salutiamoci.
Perchè me la prendo troppo ma anche perchè tendo a fare troppe eccezioni, ho mangiato troppi dolci ad agosto, troppe alghe e pesce a settembre, adesso, indovinate? ecco! perchè non è che siano digeribilissime le castagne… menomale che il prossimo mese c’è la zucca, e poi un sacco di altre cose che anche se si abbonda fanno benissimo.
Comunque la torta è buona, perfetta per la colazione, ovviamente senza zucchero ;-)
Sembra ovvio che una torta sia buona no? se no che torta è? Ma io lo specifico sempre, che è buona.
Ho i miei motivi ;-)

250 gr di farina tipo 2
150 gr di castagne bollite e tritate
2 mele
del tipo “le uniche che c’erano nell’azienda agricola bio dove vado a fare la spesa”
140 gr di uvetta
40 gr di pinoli
4 cucchiai di olio e.v.o.
1 bustina di cremor tartaro
di quello già addizionato con bicarbonato che per la verità contiene anche amido di mais
1 cucchiaino piccolo di cannella tritata
1 pizzico di sale rosa
250 ml di succo di mela limpido
(quello che si beve così com’è, unico ingrediente le mele)
un paio di cucchiai di succo di mela concentrato (quello sciropposo che si deve allungare 8 a 1)

(tutti gli ingredienti sono biologici)

Ho messo a mollo l’uvetta nel succo di mela limpido con il pizzico di sale.
Ho mischiato la farina, le castagne, i pinoli, il lievito e la cannella.
Ho tagliato le mele a dadini lasciando la buccia.
Ho unito le mele al succo di mela con l’uvetta e poi all’altro miscuglio secco, senza mischiare eccessivamente.
Ho messo in una teglia coperta di carta forno bagnata e strizzata e ho cotto a 180 gradi circa 30 minuti.
Ancora calda ho cosparso con un paio di cucchiai di succo concentrato di mela, che serve sia a dolcificare ulteriormente che a lucidare.

Questa ricetta partecipa a SALUTIAMOCI di ottobre, ospitato da Azabel, protagoniste le castagne.

C’è anche il PDF!

Ingredienti principali: , , ,

13 Responses to Torta di mele castagne pinoli e uvetta, senza zucchero

  1. Sara scrive:

    Macchè ingrassare, sei sempre iperequilibrata tu, mica come la sottoscritta golosona!:D

  2. Sara scrive:

    Piesse, mi catafionderei a prendere il tè da te!;)

  3. stelladisale scrive:

    saretta, sei golosona ma in formissima! :-)

  4. brii scrive:

    Mamma mia che aspetto goduriosa che questa torta!
    Mele e castagne?! Mi piace!
    Dai che domani è martedì…e sono a casa…
    mettimai che riesca cucinare qualcosa.
    yessssssssss! :-D
    baciusss

  5. stelladisale scrive:

    grazie brii :-D

  6. Elena scrive:

    Sì, è un’associazione a delinquere…culinariamente parlando….anche perchè ci sono i ‘dietro le quinte’, le ricette inventate che non soddisfano, quelle da riprovare per aggiustarle….e si fa un po’ di indigestione dell’ingrediente del mese!!!

  7. stelladisale scrive:

    elena, si, eh? :-) dai tra poco c’è la zucca, poi cavolfiore e broccoli, che anche se si abbonda…

  8. xcesca scrive:

    mmmh! mi sembra di sentirne il profumo!
    Buonissima davvero questa torta :)

  9. stelladisale scrive:

    xcesca, grazie

  10. Lo scrive:

    eh però ogni versione della torta di mele è una goduria :)

  11. stelladisale scrive:

    si, Lo, la torta di mele è sempre la torta di mele :-)

  12. tiziana scrive:

    Slurp gnam gnam. Potessi infilare la mano nello schermo per sgraffignare una fetta di torta e sbafarmela di gusto! Che crudeltà vederla solo in foto. Brava Stella, come sempre.
    Buonanotte,
    Tiziana

  13. stelladisale scrive:

    grazie Tiziana, buona giornata

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mangiare è un sacramento.
Per onorarlo al meglio bisogna rendere grazie alla vita che tagliamo per vivere.
Senza giungere al disgusto di se, dell’umanità, della vita stessa.
Gary Snyder

↓ More ↓